Il saluto di Cenetti: "Speravo in un finale diverso. Questo gruppo può andare lontano"

I motivi dell'addio, il ringraziamento a Dal Canto e ai compagni di squadra. Il saluto di uno dei protagonisti della "battaglia totale".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

L'addio era nell'aria ormai da mesi. Un primo saluto c'era già stato alcune settimane fa quando il passaggio all'Albissola sembrava cosa fatta. Giacomo Cenetti, uno dei protagonisti della "battaglia totale", lascia Arezzo dopo aver ottenuto una buonuscita. "Mi sarei meritato un addio migliore” ha scritto su Facebook.

Giacomo come stai adesso?

"Sono più tranquillo, adesso ho un altro mese di tempo per cercare una nuova squadra - confessa il mediano - sinceramente speravo in un finale migliore perché credo di aver dimostrato quanto sia profondo il legame con questa città. Il calcio però è anche questo. C’è un pizzico di rammarico ma sono convinto di aver lasciato un ottimo ricordo”.

Ma la scorsa estate cosa è accaduto in ritiro?

Come detto anche dal direttore Pieroni la società ha fatto una scelta tecnica comunicandomi che non rientravo più nei suoi pianiAmmetto che c'è stata una discussione con il mister ma ci tengo a precisaree può farlo anche Dal Cantoche tra me e l'allenatore c'è un ottimo rapporto e soprattutto stimaAnzi, colgo l'occasione per ringraziare il misterMi ha trattato come un giocatore dell'Arezzo a tutti gli effetti e non come un calciatore fuori rosaVado via ma posso solo dire grazie a Dal Canto e gli auguro il meglioE' un tecnico preparatosa lavorare con i giovani e sono convinto che farà stradaSaluto e ringrazio anche i miei compagni di squadra. Nessuno di loro ha scelto la maglia numero 20, quella che ho indossato io, sia nella sessione estiva che adesso. Sono un gruppo eccezionale e se continueranno così potranno togliersi grandi soddisfazioni e fare il grande salto".

Con i tifosi amaranto si era creato un rapporto speciale. Quando è scoccata la scintilla secondo te?

"Nella partita contro l'AlessandriaNon fu il mio debutto in amaranto ma lì è scattato qualcosa che mi ha ha portato a rinunciare ad alcune cose e a farne altre. Non avrei mai creduto di potermi legare così alla città”.

Sono davvero tanti i messaggi dei tifosi con i quali ti hanno salutato. A loro e ai tuoi ex compagni cosa vuoi dire?

Tante volte mi sono chiesto se valesse la pena fare certe scelte - risponde Cenetti - i dubbi me li hanno spazzati i tanti messaggi che ho ricevuto in questi giorni. Mi sono sentito parte integrante di questa città e dispiace dover andare via”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Quasi una tromba d'aria: ecco il "funnel" a Cesa. Il video dell'impressionante fenomeno atmosferico

  • Cronaca

    Sniffa cocaina in via Filzi sul muretto della futura sede dei vigili urbani

  • Video

    "Ciao Renzo, sei sempre con noi". Il mondo dello sport ricorda Francesco Renzetti

  • Video

    Traffico illecito di schede elettroniche per ricavarne metalli preziosi: la regìa aretina

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento