Arezzo-Lucchese 0-0, Obbedio: "Certe persone non dovrebbero stare nel mondo del calcio"

Il direttore sportivo sul momento che sta vivendo la Lucchese.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Più che il pari ottenuto in casa dell'Arezzo il direttore sportivo della Lucchese Antonio Obbedio si ferma a commentare in sala stampa il momento che sta vivendo la compagine rossonera.

"Quando i tifosi accendono un fumogeno oppure se c'è una virgola errata in uno striscione vengono puniti e allontanati dallo stadio - spiega Obbedio - lo stesso dovrebbe accadere per chi commette dei misfatti nel mondo del calcioNomi e cognomi ci sono e sono sempre gli stessiA chi commette certi errori dovrebbe essere impedito l'accesso negli stadiE' inutile avere un casellario o delle leggi se poi queste non vengono rispettate soprattutto nel mondo della serie C".

A Lucca c'è grande preoccupazione per i possibili sviluppi.

"Siamo preoccupatiinutile nasconderlo - aggiunge Obbedio - la squadra ad ogni modo oggi è stata molto brava con il tecnico a isolarsi pensando solo al calcio giocatoI ragazzi stanno vivendo un momento difficile  perchè potete immaginare cosa si prova quando si viene toccati su aspetti che riguardano il proprio stipendioTra l'altro vi assicuro che sono cifre normalissime per ragazzi che hanno famigliaFaccio i miei complimenti al mister e alla squadraAdesso stacchiamo la spina e aspettiamo la ripresa sperando ci siano nuovi sviluppi soprattutto positiviLa nuova proprietà? Non ho sentito nessuno in queste ore".

Potrebbe Interessarti

  • Schianto in zona Eden: 34enne di Arezzo portato a Siena in elicottero

  • Un tonno trasportato per le vie del centro e scaricato in ascensore: il video shock. Scattano i controlli della Asl, chiuso locale

  • Arezzo s'inchina davanti alla Chimera: "La vittoria è per Giancarlo e per chi non ci aveva mai visto trionfare"

  • Disturbi e invasioni. La Colombina fa ammenda, Geppetti: "Intollerabile, mi sono scusato con Porta del Foro"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento