Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Città del Natale: torna la ruota panoramica al Prato. Biglietti unici, attrazioni e mercatini, tutte le novità

L'amministrazione comunale di Arezzo, la Fondazione InTour e Ascom hanno ufficialmente presentato il progetto per l'edizione 2019

 

La ruota panoramica, salvo imprevisti, tornerà. "Ma Il Prato accoglierà tante altre attrazioni”. E poi ci sarà la possibilità di acquistare un biglietto unico oppure dei pacchetti per le famiglie così da non spendere una fortuna per visitare tutto.

Manca ancora del tempo all'arrivo del Natale ma, per la prima volta nella storia, Arezzo si lascia l'estate alle spalle e inizia a progettare eventi, appuntamenti e decorazioni per il periodo più magico dell’anno con un po’ di anticipo.

La Città del Natale scalda i motori e mette in pista tutte le proprie sinergie per iniziare a dare corpo e forma al programma.
Ieri sera, all'interno della Borsa Merci di piazza Risorgimento, l'amministrazione comunale di Arezzo, la Fondazione InTour e Ascom hanno ufficialmente presentato il progetto per l'edizione 2019. 

Abbiamo un sacco di idee in mente - spiega l'assessore Marcello Comanducci, ideatore e promotore della Città del Natale - partiamo subito dalla ruota panoramica. Sono arrivate cinque offerte da parte di altrettanti gestori e nei prossimi giorni la giunta valuterà quella più congrua. Quest'anno la rassegna natalizia è organizzata interamente dalla Fondazione, organo che ha permesso di snellire e non poco le procedure burocratiche. Inoltre, abbiamo previsto un lungo percorso dal Prato fino alla parte bassa della città disseminato di attrazioni. Riqualificato anche il mercatino di piazza San Jacopo e Risorgimento che, quest'anno per la prima volta, avrà una veste migliore. E poi le luminarie. Abbiamo scelto di allestire decorazioni luminose in varie parti della città fornendo una visione più professionale ed omogenea. Insomma, un lavoro a trecentosessanta gradi che porta con sé valutazioni e considerazioni raccolte nei cinque anni di vita della nostra Città del Natale.

Le immagini dell'edizione dello scorso anno di Arezzo Città del Natale

Immancabile il contributo da parte di Confcommercio Arezzo che, come ogni anno, si occupa dell'allestimento di Piazza Grande che nel periodo natalizio si trasforma in un mercatino tirolese affiancato dalla casa di Babbo Natale.

Un turismo sano, bello, di cui c'è sempre un bisogno enorme - spiega Anna Lapini, presidente Ascom Arezzo - anche in questo contesto le novità 2019 saranno davvero tantissime anche se continueremo a dare la precedenza al senso di meraviglia, magia e tradizione che caratterizza questo periodo dell'anno. L'amministrazione ha sempre apprezzato l'idea di trasformare piazza Grande in un mercato dal sapore tirolese. Un’iniziativa piaciuta così tanto che è stata inserita da subito nel percorso della Città del Natale. Siamo certi che aver spinto per ricreare le magie del nord Italia in città abbia permesso di intercettare un turismo proveniente dal centro e dal sud della Penisola che trova più economico, ma altrettanto suggestivo, fermarsi ad Arezzo anziché viaggiare sino al Trentino.

Giunta alla sua quinta edizione Arezzo Città del Natale ha richiamato più di due milioni e mezzo di visitatori nel corso dei quattro anni precedenti.

Durante la presentazione è stato l'assessore Comanducci a lanciare l'idea di una campagna di crowdfunding in modo tale che anche i singoli privati possano contribuire, secondo le proprie possibilità, alla realizzazione della manifestazione.
 

Empoli - spiega ancora l'assessore - crea un evento simile al nostro. Lo scorso anno è riuscita a raccogliere 150mila euro chiedendo un contributo ai cittadini. Non credo che gli aretini siano da meno anzi, sono certo che sapranno riconoscere l'importanza di questa manifestazione sulla quale, per la prima volta nella storia, siamo leader in Toscana e il nostro progetto viene ripreso e copiato.

Tutte le info sulla campagna di raccolta fondi

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento