Rondine a lezione dal patron di Aboca Valentino Mercati: “Voi farete la differenza”

Parole che centrano l’obiettivo del percorso educativo del Quarto Anno Rondine, che ha scelto di mettere al centro la crescita personale e relazionale dei giovani perché possano tornare nelle proprie città e farsi portatori di un vero cambiamento

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   19 ottobre 2016 13:03  |  Pubblicato in Arezzo, Valtiberina


E’ ormai un momento formativo imprescindibile per il Quarto Anno Liceale d’Eccellenza a Rondine, la visita agli stabilimenti di Aboca, realtà produttiva del territorio, leader a livello nazionale e internazionale nel settore della salute naturale e portatrice di un sistema di valori che si fondano sul rispetto della persona e dell’ambiente. Un’esperienza di conoscenza a tutto tondo che unisce pensiero e azione, concretezza e filosofia, grazie anche all’incontro con il Cavaliere Valentino Mercati, fondatore e presidente del Gruppo Aboca.

“Il percorso di studio del Quarto Anno a Rondine è fatto di incontri importanti. Oggi ne facciamo uno davvero prezioso, con un grande amico di Rondine, un uomo che può raccontarvi come è possibile trasformare un sogno in realtà – con queste parole il presidente Franco Vaccari ha introdotto il Cavaliere Mercati – i valori e la visione di Aboca sono gli stessi su cui Rondine si fonda, e il ricongiungersi di ‎uomo e natura senza dubbio è un presupposto essenziale per la costruzione di un ‎futuro condiviso e di una società pacifica”.

Una lezione che ha saputo ancora una volta ispirare ed entusiasmare questi studenti selezionati da tutta Italia per frequentare la loro quarta superiore alla Cittadella della Pace di Rondine, per un anno di intercultura a 360 gradi, attraverso l’incontro con i mondi dei giovani dello Studentato Internazionale provenienti dal oltre 20 paesi.

“L’anno di liceo a Rondine è un anno creativo – ha affermato Valentino Mercati – prezioso sotto ogni punto di vista. Il mondo internazionale, gli stimoli e le emozioni uniche di questo anno saranno le più importanti della vostra vita.”

Parole che centrano l’obiettivo del percorso educativo del Quarto Anno Rondine, che ha scelto di mettere al centro la crescita personale e relazionale dei giovani perché possano tornare nelle proprie città e farsi portatori di un vero cambiamento.

“Cercate di capire chi siete in questo mondo. Se volete costruire voi stessi dovete essere curiosi – continua Mercati – oggi grazie a Internet avete un potere di conoscenza mai avuta in passato. Siamo in un’epoca di squilibri mondiali, ma non sentitevi schiacciati. Fate rete, collegatevi col mondo intero e cambiatelo. Scegliete bene che messaggi passare, per il bene vostro e degli altri. Il bene degli altri deve essere l’ago che muove la bilancia della nostra vita. Voi farete la differenza”.

Tantissime le domande e le curiosità dei ragazzi che si sono conclusi con il ringraziamento, da parte di tutta la classe, portato da Stefania Gasparini, la ragazza di Selci Lama proveniente dal liceo delle Comunicazioni di Sansepolcro che partecipa al progetto grazie al sostegno di Aboca.

“Grazie di averci trasmesso i valori che animano la sua azienda e questo importante progetto che unisce uomo e natura. Preservare l’ambiente e trasmettere un’idea di cittadinanza attiva e consapevole è uno dei miei obiettivi più grandi che a Rondine sto coltivando e spero presto di poter realizzare i miei progetti”.

Dopo l’incontro i ragazzi hanno potuto visitare gli stabilimenti produttivi di Pistrino, oltre che il gioiello di Aboca Museum. Un approfondimento di grande interesse arricchito dal portato di esperienza di un imprenditore che con lungimiranza ha fondato una nuova visione d’impresa che mette al centro l’uomo nella sua totalità dimostrandosi sostenibile e vincente. Una visione di equilibrio in cui la crescita e lo sviluppo dell’uomo si fondano su un rapporto reciproco di scambio e tutela della natura e sul rispetto della tradizione e conservazione degli antichi saperi, che costituiscono la base culturale ineliminabile della società.

blog comments powered by Disqus