Il campionario dei “cialtroni”: divani, tv, materassi e vasche d’eternit. Gruppo whatsapp denuncia e segnala

Il gruppo è stato promosso dal consigliere comunale Meri Stella Cornacchini, unisce quasi 200 persone e dallo scorso venerdì ha permesso di segnalare decine e decine di casi di abbandono selvaggio di rifiuti, ingombranti e pericolosi, ai margini delle carreggiate, sui prati, tra le aiuole, fuori dai cassonetti

Mattia Cialini
Mattia Cialini
Invia per email  |  Stampa  |   4 settembre 2018 16:20  |  Pubblicato in Cronaca, Fotogallery, Arezzo

Articoli correlati



Pneumatici, materiale edile e di carpenteria, caschi da moto, biciclette arrugginite e senza ruote, materassi, vasche in eternit, fusti di latta, sanitari rotti, tavoli e cassetti, stendini, elettrodomestici e divani. E tante siringhe.

E’ vastissimo il campionario della cialtronaggine lungo le strade di Arezzo: non solo nelle periferie più nascoste, ma anche in centro, lungo le arterie più trafficate, nelle piazze più battute.

Ecco alcune delle immagini dell’Arezzo “degradata” raccolte da venerdì scorso a oggi pomeriggio:


Un ricco quadro della situazione – quasi – in tempo reale lo fornisce l’attivissimo gruppo whatsapp “Contro i cialtroni”, creato pochi giorni fa. E’ stato promosso dal consigliere comunale Meri Stella Cornacchini, unisce quasi 200 persone e dallo scorso venerdì ha permesso di segnalare decine e decine di casi di abbandono selvaggio di rifiuti, ingombranti e pericolosi, ai margini delle carreggiate, sui prati, tra le aiuole, fuori dai cassonetti.

L’inciviltà colpisce ovunque: via Signorelli e via Copernico, via Ferrari e via Malpighi, via Masaccio e via Marco Perennio e via Sala Vecchia. Ma nache Pescaiola, Staggiano, Montione. E poi ci sono i resti di droga appena consumata: aghi lasciati per terra e sui muretti, al Pionta e in via Masaccio, vicino alle scuole.

Per tutti gli episodi sinora segnalati, sono già partite le segnalazioni al Comune di Arezzo e a Sei Toscana per la rimozione.

@MattiaCialini

 Mattia Cialini 
Mattia CialiniNato nel 1983, lacustre trapiantato in Toscana. Vivo ad Arezzo, mi sento a casa anche al Trasimeno e in Maremma. Laureato in comunicazione di massa all'Università di Siena. Amo scrivere, ho la fortuna di farlo per mestiere dal 2002. Sommelier Ais
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus