Spettacolo ad Arezzo, Nicola Sokol Jakini si conferma campione europeo di kickboxing

Il Teatro Tenda di Arezzo è stato lo scenario di una notte di incontri professionistici che, davanti ad un pubblico numeroso e caloroso, si è conclusa con la sfida per la cintura continentale della categoria -76kg e con le emozioni della vittoria dell’atleta albanese di nascita ma aretino di adozione. Battuto il rumeno Marian Serban

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   20 novembre 2016 12:20  |  Pubblicato in Sport, Altri sport, Arezzo


Nicola Sokol Jakini si conferma campione europeo di kickboxing, vincendo ai punti contro il rumeno Marian Serban. Il Teatro Tenda di Arezzo è stato lo scenario di una notte di incontri professionistici che, davanti ad un pubblico numeroso e caloroso, si è conclusa con la sfida per la cintura continentale della categoria -76kg e con le emozioni della vittoria dell’atleta albanese di nascita ma aretino di adozione. I due sfidanti si erano già incontrati per il titolo europeo del 2015 e in quell’occasione a vincere era stato Jakini che ha avuto così la possibilità di difendere la cintura nella propria città e davanti ai propri tifosi. L’incontro contro Serban si è rivelato duro ed equilibrato, con sette intense riprese ricche di spettacolari colpi di pugno e di calcio che si sono risolte solo con il verdetto ai punti che ha assegnato all’unanimità la vittoria del titolo europeo all’aretino, facendo così esplodere la festa del suo maestro Hermann Di Mauro, degli allievi della sua società e di tutti i presenti. «Sono felice di esser riuscito a difendere la cintura – ha commentato Jakini al termine dell’incontro. – Serban si è confermato un avversario particolarmente ostico dunque ho preso tanti colpi e ho pensato a gestire al meglio le mie energie. Questo successo lo dedico agli atleti che alleno tutti i giorni, a chi ha contribuito alla mia carriera sportiva e a chi ha affollato il Teatro Tenda per sostenermi con il suo tifo».


Al momento della premiazione, Jakini ha ufficializzato che l’incontro con Serban è stato l’ultimo della sua carriera dal momento che d’ora in poi si dedicherà esclusivamente all’insegnamento e allo sviluppo della kickboxing sul territorio aretino. L’atleta, classe 1986, chiude così il proprio percorso da imbattuto con ventidue vittorie e un pareggio su ventitre combattimenti e, soprattutto, con tre titoli europei all’attivo. «Ci tenevo a chiudere in bellezza – ha aggiunto. – Ringrazio chi mi ha accompagnato nei miei tredici anni di agonismo e chi mi ha permesso di vincere tre cinture europee».

L’incontro per il titolo europeo è stato anticipato da altri cinque combattimenti di atleti professionisti del Team Jakini, conclusi con un bilancio di due vittorie e tre sconfitte. Ad aver esultato ai punti sono stati Kristijan Jakini e Mehdi Ragui, mentre Silvio Cocos e Marius Comanesku hanno subito un infortunio e Lorenzo Mattani è stato messo ko. «Il combattimento per il titolo europeo – ha concluso Jakini, – è stato reso ancor più duro dal fatto che ero emotivamente coinvolto anche negli incontri degli allievi che mi hanno preceduto sul ring. Il ritiro dalla carriera sportiva è orientato proprio a dedicare le mie energie e la mia esperienza alla crescita e ai successi dei miei allievi».

blog comments powered by Disqus