Da Padova ad Arezzo: il 10 luglio la seconda tappa della Milano-Taranto

Soste a Lendinara, Argenta, Modigliana, Soci e l’arrivo ad Arezzo

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   11 luglio 2018 10:04  |  Pubblicato in Sport, Altri sport


10 luglio, seconda tappa della 32esima edizione della Milano-Taranto: si riparte di prima mattina da Padova e la prima sosta è a Lendinara dove l’accoglienza è particolarmente calorosa e gustosa grazie alle iniziative di Comune e Proloco, organizzate in collaborazione con “Lendinara Città Ospitale – paniere delle tipicità” ed “Eccellenze Territoriali Store”.

Ancora alcuni chilometri e ad attendere la maratona per moto d’epoca è la festosa accoglienza dell’“ASD Motoclub 44011” di Argenta che con il patrocinio del Comune e della Proloco ha imbandito anche un ricchissimo buffet. Il segretario Marco Antolini insieme a tutto lo staff e alle “azdore” argentane ha preparato la tipica coppia ferrarese e le pesche dolci oltre che l’immancabile couscous “Bia Italian Food” e la mortadella “Bologna” del salumificio “I Malafronte”. Omaggi per tutti, punto assistenza meccanica gratuita e una torta per festeggiare la quinta sosta ad Argenta nella storia della Mita: anche quest’anno la competizione per aggiudicarsi il titolo di Miglior Ristoro si annuncia quindi estremamente accesa, a tutto beneficio dei palati dei centauri, ovviamente.


Ad attendere i motociclisti al controllo orario di Modigliana è Gigi Rivola, da sempre amico della Mita e in particolare del patron Franco Sabatini. La fermata prevede anche la visita al Museo Parilla che non tradisce le aspettative: interessantissima ed emozionante la collezione monomarca di Bruno Baccari, tutta dedicata alla storica casa motociclistica italiana.

Rifocillati e ricaricati, i motociclisti ripartono tra passi, curve e tornanti: un vero luna-park su due ruote che ha fatto divertire non poco gli avventurieri della Mita 2018. Superati Passo Mandrioli e Passo del Carnaio, tra paesaggi unici e scorci mozzafiato, ecco l’arrivo a Soci: qui l’accoglienza è a base della tipica panzanella toscana, di crostini al pomodoro e alle acciughe e di pecorino del Casentino, tutto organizzato dalla Proloco di Soci, rappresentata dal presidente Sergio Buffa.

Effettuato il controllo orario tutti di nuovo in sella per concludere la tappa con l’arrivo ad Arezzo.

Domani, 11 luglio, per la terza tappa, la Mita attraverserà l’Umbria, fermandosi a Gubbio, e poi le Marche, con le soste previste a Pievebovigliana e Servigliano e l’arrivo a Colli del Tronto.

blog comments powered by Disqus