La spina dorsale dell’Amen Scuola Basket Arezzo 2017/2018

La rosa per quanto riguarda i senior a disposizione di coach Delia è così al completo, una rotazione di 8 giocatori che andranno a ricoprire i 7 posti previsti dal regolamento di Serie C Silver, permettendo così allo staff tecnico dell’Amen una maggiore possibilità di scelta in base all’avversario ed allo stato di forma degli stessi atleti.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   12 agosto 2017 14:22  |  Pubblicato in Sport, Basket


Dopo aver sistemato il reparto lunghi l’Amen Scuola Basket Arezzo sta completando il proprio roster confermando tre colonne portanti della squadra ovvero Capitan Claudio Castelli, Matteo Cutini e Carlo Provenzal.

Claudio Castelli fa della voglia di lottare e della determinazione le proprie armi principali, nello scorso campionato ha viaggiato a quasi 7 punti di media a partita facendosi sempre trovare pronto anche quando c’è stato bisogno di aiutare la squadra in fase realizzativa. E’ il mastino della difesa amaranto a cui vengono spesso affidati i giocatori avversari più pericolosi.

La conferma di Matteo Cutini permette all’Amen SBA di poter contare anche per il 2017/2018 sul miglior giocatore a livello statistico degli amaranto, 16 punti realizzati, 8 rimbalzi e 17 punti di valutazione di media testimoniano l’importanza di Cutini nei meccanismi offensivi del quintetto aretino. Con il suo atletismo è risultati decisivo in più di una occasione come nella sfida all’imbattuta Labronica dove realizzò allo scadere il canestro della vittoria.

Carlo Provenzal sarà assieme a Giulio Bianchi il regista dell’Amen versione 2017/2018, 22 le sue presenze nel campionato scorso con 85 punti complessivi segnati a cui vanno aggiunti gli oltre 4 rimbalzi catturati che per un playmaker sono un valore aggiunto.

La rosa per quanto riguarda i senior a disposizione di coach Delia è così al completo, una rotazione di 8 giocatori che andranno a ricoprire i 7 posti previsti dal regolamento di Serie C Silver, permettendo così allo staff tecnico dell’Amen una maggiore possibilità di scelta in base all’avversario ed allo stato di forma degli stessi atleti.

blog comments powered by Disqus