La Fortis blinda il secondo posto espugnando Monterchi

La Fortis Arezzo espugna Monterchi chiudendo il campionato in seconda posizione dietro i fiorentini dell’Albereta, conquista il record di 17 risultati utili consecutivi (2 pareggi e 15 vittorie) e centra la semifinale play-off con la miglior...

FortisArezzo_selfie

La Fortis Arezzo espugna Monterchi chiudendo il campionato in seconda posizione dietro i fiorentini dell’Albereta, conquista il record di 17 risultati utili consecutivi (2 pareggi e 15 vittorie) e centra la semifinale play-off con la miglior posizione che le permette di incontrare la quinta classificata tra le mura amiche.

Un primo tempo giocato alla grande dagli atleti di mister Rossi, con la realizzazione di Kollaku al 14’ con una rasoiata rasoterra dal limite che ha mandato direttamente il pallone, su punizione dal limite, ad infilarsi all’angolino basso alla sinistra di Claudi, dopo aver attraversato una selva di gambe; avrebbe avuto anche l’opportunità di raddoppiare al 29’ ma Alberti spara alto con il mancino sbagliando una facile occasione. La reazione dei ragazzi di mister Mirko Latorraca è rabbiosa ma decisa. Dopo la richiesta di un penalty su Gelli al 42’ è il bomber Pecorari che si fa parare dai piedi dell’ottimo Conti, in tuffo. Nulla può però dopo sull’azione ben congegnata da Brunacci che dà all’accorrente Mercantini il pallone che il giocatore ospite mette alle spalle dell’incolpevole portiere.

Il riposo è importante per gli aretini che recuperano energie fisiche e mentali per prendere in mano le redini del gioco con pregevoli azioni e al 54’ sempre con Mercantini, vanno in vantaggio con una incornata, su punizione battuta con precisione balistica di Baglioni, con il portiere in uscita. Ancora occasioni per Gelli al 66’ e 80’ impreciso nelle conclusioni. Molto bravo l'estremo difensore Conti su Pecorari al 80’ e 91’ con due provvidenziali parate, una di piede e l’altra con la mano, negando al capocannoniere del girone di aumentare il suo record personale.

L’ostinata ma inconcludente reazione dei locali si è chiusa con qualche pericolo nei calci piazzati e nelle mischie in area ma al 86’ Bellucci per poco non punisce gli aretini con beffardo tiro che sibila a lato della porta di Claudi.

Una partita intensa ma corretta, dove entrambe le squadre hanno lottato con grande energia in un terreno scivoloso ma con il fondo che ha tenuto egregiamente alla copiosa pioggia caduta ininterrottamente, anche durante la gara.

Twitter @ArezzoNotizie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • 4 Ristoranti ad Arezzo: ci siamo. Arriva Alessandro Borghese

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

  • L'incendio dell'autocarro pieno di vernici: traffico bloccato nella Sr71

  • Allagamenti ad Arezzo: strade chiuse e piante crollate

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento