Giudice Sportivo, multate Cesa e Ambra

650 euro. Tanto dovrà pagare il Cesa per il comportamento di un proprio sostenitore, mentre all'Ambra è stata comminata una multa di 170 euro. Il Cesa paga il comportamento di un sostenitore isolato che al termine dell'incontro ha atteso il...

 

650 euro. Tanto dovrà pagare il Cesa per il comportamento di un proprio sostenitore, mentre all'Ambra è stata comminata una multa di 170 euro.

Il Cesa paga il comportamento di un sostenitore isolato che al termine dell'incontro ha atteso il direttore di gara per rivolgergli una frase irriguardosa e mettendogli “l'indice e il medio sotto il mento costringendolo ad alzare la testa”. Una sanzione che poteva costare ancor di più al Cesa, ma l'intervento della dirigenza locale ha limitato la multa.

Squalificata a tempo per il mister del Cesa. L'allenatore dei rossoblù potrà tornare in panchina solo dopo il prossimo 17 luglio a causa delle offese all'indirizzo dell'arbitro. Offese poi ripetute a fine partita quando avrebbe invitato i propri calciatori a non salutare l'arbitro al termine dell'incontro.

I 170 euro dell'Ambra sono invece dovuti al “contegno offensivo e intimidatorio” verso il direttore di gara.

Questo fine settimana tutte le partite dei campionati giovanili d dilettanti, oltre quelli di calcio a 5 e femminile, inizieranno con alcuni minuti di ritardo. Così ha deciso la FIGC Toscana prendendo posizione dopo gli episodi di violenza ai danni dei direttori di gara.

Articoli correlati:

Calcio all’arbitro: tre anni e tre mesi al giocatore

Calcio all'arbitro, i perchè della squalifica di tre anni e tre mesi

La FIGC Toscana prende posizione, dilettanti in campo con 10' di ritardo Twitter @MatteoMarzotti

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento