Equitazione, bilancio positivo per il concorso multidisciplinare

Bilancio più che positivo per il concorso multidisciplinare che si è tenuto nel week end ad Arezzo negli impianti dell’Arezzo International Horse e che ha visto la presenza di oltre settanta binomi. Tre giorni di gare in cinque diverse discipline...

equestrian37

Bilancio più che positivo per il concorso multidisciplinare che si è tenuto nel week end ad Arezzo negli impianti dell’Arezzo International Horse e che ha visto la presenza di oltre settanta binomi. Tre giorni di gare in cinque diverse discipline dell’equitazione di campagna ed anche un corso di aggiornamento per giudici di queste specialità.

Non sono mancati, oltre ai momenti di puro agonismo, quelli di socializzazione come è avvenuto con la cena dei cavalieri del sabato sera che ha visto sedersi in lunghe tavolate diversi commensali.

Soddisfatto di questa prima edizione, in cui la Fise Toscana ha fatto un po’ da apripista, il presidente regionale Massimo Petaccia.

“Grande successo di partecipazione – dice – visto che si trattava di una prima edizione svolta anche ad inizio stagione. C’è stato un buon numero di concorrenti e tanti altri cavalieri che sono venuti a vedere per organizzarsi per i prossimi concorsi. Il primo obiettivo è stato dunque raggiunto, ovvero quello di incentivare queste discipline attraverso un programma dedicato di cui questa è stata la prima manifestazione che ha segnato l’inizio del processo di sviluppo di questa disciplina. E devo dire che nelle gare sono stati raggiunti ottimi risultati. Spettacolari sono state le prove dell’equitazione di lavoro sulla velocità, il gran premio della doma vaquera, il cross jumping e la giostra con lo scontro diretto degli Eventi storici. Il bel tempo ha favorito anche la presenza del pubblico e le premiazioni sono state molto partecipate e festose. Un grazie al comitato organizzatore Country Club Ortali nella persona di Goffredo Pasquini e al centro ippico ospitante Arezzo International Horse. Un grande ringraziamento va a tutti i partecipanti che con passione ed impegno hanno reso possibile questa manifestazione.”

Un multidisciplinare che al suo interno ha visto negli Eventi storici anche il Memorial Gabriella Pasquini, vinto dal giovane cavaliere aretino Adalberto Rauco.

“Rauco è stato un vero mattatore - dice Goffredo Pasquini – ha gareggiato come un guerriero che voleva vincere a tutti i costi. Bene anche tutti gli altri aretini ed i cavalieri venuti dalla Giostra del Giglio di Firenze e dalla Giostra dell’Orso di Pistoia, sempre presenti alle manifestazioni della Fise. Sono soddisfatto poi dell’esito di tutto il concorso. Sapevamo che mettendo insieme cinque diverse discipline avremo avuto qualche difficoltà organizzativa, ma siamo riusciti a superarle al meglio grazie al nostro presidente regionale Massimo Petaccia, presente tutti e tre i giorni, e grazie ad un gruppo di amici che hanno messo a disposizione tutta la loro esperienza. Ancora una volta Arezzo e la Toscana hanno dimostrato di essere in grado di aprire nuovi orizzonti nel mondo dell’equitazione.”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Il decreto Milleproproghe slitta di due anni. Il Comune costretto ad accendere mutui per il piano triennale delle opere pubbliche

  • Attualità

    Ecco il progetto per una pista da pump track in via Lebole

  • Attualità

    "Non risparmiate sui nostri bambini". Genitori sul piede di guerra contro il centro unico di cottura per le scuole

  • Cronaca

    Caso Martina Rossi, stop a 23 testimoni. Ora è corsa verso la sentenza

I più letti della settimana

  • In sosta col disco orario "a motore", multa salata per automobilista di Foiano

  • Polmonite, 100 casi gravi all'ospedale di Arezzo nel 2018. I sintomi da non sottovalutare

  • Furgone fuori strada sulla 71 a Ceciliano: ferito 55enne. Traffico bloccato

  • Domenica aretina per Antonio Conte. L'ex ct a messa da don Alvaro

  • Scontro tra due bus con 50 feriti. La maxi esercitazione

  • "Spaccio quotidiano e siringhe a terra. Porto mia figlia a scuola facendomi largo tra i pusher"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento