Dal Canto è il nuovo allenatore dell’Arezzo. La Cava: “colpo da novanta”

Adesso è ufficiale. Alessandro Dal Canto lascia la Juventus primavera e firma con l’Arezzo. La Cava: “preso un grande allenatore, seguito anche da club di serie B”.

Matteo Marzotti
Matteo Marzotti
Invia per email  |  Stampa  |   13 giugno 2018 15:50  |  Pubblicato in Sport, Calcio

Articoli correlati



Alessandro Dal Canto è il nuovo allenatore dell’Arezzo. L’ufficialità arriva direttamente da Milano dopo che nelle ultime ore erano emersi i contatti sempre più frequenti e tra il tecnico e la dirigenza amaranto.

Sono molto soddisfatto – commenta Giorgio La Cava pochi minuti dopo la firma – la durata del contratto? Mi è stato consigliato di non rivelarla, ma non è un biennale. E’ un accordo che definirei decisamente lungo…”

Il presidente La Cava ripercorre le tappe che hanno portato alla firma svelando che un ruolo determinante lo ha rivestito anche Emiliano Testini.

“Il mister è stato compagno di squadra di Emiliano nell’Albinoleffe – spiega la La Cava – ieri sera ci siamo incontrati a cena ed è stato davvero un incontro molto bello, carico di entusiasmo. Ci siamo intesi subito e oggi è arrivata la firma”.

Dal Canto che ha dato la propria disponibilità al progetto del Cavallino si è messo già al lavoro.

“In questo momento si sta confrontando con Ermanno ed Emiliano sui giocatori che abbiamo e sugli innesti. Sono davvero contento: abbiamo portato un allenatore della Juventus ad Arezzo, un tecnico che aveva richieste anche in B. Noi abbiamo fatto il massimo adesso spero che sponsor e tifosi ci diano una mano”.

La presentazione ci sarà nei prossimi giorni. Tecnicamente anche prima del 30 giugno. La Juventus ha ufficializzato l’addio di Dal Canto dalla formazione primavera. Il via libera per permettere la firma con l’Arezzo e iniziare subito a lavorare.

Articoli correlati:
Il saluto della Juventus a Dal Canto
Pieroni ha scelto. Dal Canto è il nome giusto, a ore l’annuncio

Twitter @MatteoMarzotti

[Fonte foto 90min]

blog comments powered by Disqus