Aggressione a La Cava, maxi sconto in appello per Luciano Camilli

Ridotta la sanzione inflitta al figlio dell'ex presidente della Viterbese

Camilli con il figlio Luciano

La Corte Sportiva d'Appello Nazionale ha ridotto la pena inflitta a Luciano Camilli, uno dei figli dell'ex patron della Viterbese, reo di aver aggredito lo scorso maggio durante la gara di ritorno dei playoff tra Viterbese e Arezzo il presidente amaranto Giorgio La Cava.

La Cava aggredito nel prepartita di Viterbese-Arezzo

Il numero uno del Cavallino stava guadagnando il posto in tribuna dopo essere andato a salutare i tifosi aretini. All'ingresso del tunnel degli spogliatoi era stato aggredito da un tesserato della Viterbese poi identificato in Luciano Camilli. La Cava venne trasferito in ospedale per accertamenti. Luciani Camilli era stato così squalificato fino al 22 maggio 2024 e multato con 30mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Camilli all'attacco: "Che sceneggiata quella di 'La Canna'. Lascio il calcio"

Ieri la Corte Sportiva d'Appello Nazionale ha parzialmente accolto il ricorso di Camilli riducendo la squalifica a un anno e otto mesi e portando l'ammenda da 30mila a 15 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Esami di guida, ipotesi rivoluzione: candidato solo in auto senza esaminatore né istruttore. Protestano le autoscuole

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento