La Bucinese esonera Vinerbi, arriva Stefano Lacchi sulla panchina degli arancioverdi

Stefano Lacchi è il nuovo allenatore della Bucinese. Gli arancioverdi salutano Emiliano Vinerbi e affidano la guida della prima squadra all’ex allenatore di Porta Romana, Audace Legnaia e Sangiustinese.

Matteo Marzotti
Matteo Marzotti
Invia per email  |  Stampa  |   14 novembre 2017 15:20  |  Pubblicato in Sport, Calcio


Emiliano Vinerbi non è più l’allenatore della Bucinese. L’esonero del tecnico, con trascorsi ad Alberoro e Torrita, al debutto quest’anno in Eccellenza, si è consumato nella tarda serata di lunedì.

Ad ufficializzare il divorzio il direttore sportivo Cristian Salvadori che ha spiegato i motivi di questa scelta legati non solo ai risultati ottenuti sul rettangolo verde dalla prima squadra.

“Sicuramente l’obiettivo mio e della società è quella di togliere quanto prima la squadra da una posizione scomoda di classifica – spiega Salvadori – abbiamo raccolto meno di quanto meritavamo ma non sempre per colpa o limiti nostri…Poi c’è un altro aspetto da sottolineare nella scelta di cambiare allenatore. Abbiamo in rosa ragazzi che fanno del calcio la loro prima mansione, altri studiano e allora abbiamo pensato di spostare gli allenamenti nel primo pomeriggio anziché in orario serale. Andando verso l’inverno con limiti strutturali legati agli impianti in quanto a illuminazione e non solo, abbiamo pensato di anticipare le sedute di lavoro. Purtroppo Emiliano per motivi di lavoro non poteva proseguire e questo unito al desiderio di uscire dai bassifondi della classifica ci ha portato a compiere questa scelta”.

L’accordo con il nuovo allenatore è stato raggiunto questa mattina. Sulla panchina della Bucinese arriva Stefano Lacchi ex calciatore professionista con trascorsi nella Fiorentina e in società di serie B. Come allenatore ha guidato Audace Legnaia, Sangiustinese in Eccellenza oltre a Audax Rufina e Porta Romana con cui ha vinto il torneo di Promozione (2011/2012).

Twitter @MatteoMarzotti

blog comments powered by Disqus