Mano sul petto dell'arbitro e offese: maxi squalifica nel campionato Juniores

Squalifiche a tempo e non solo nei campionati provinciali.

Foto di repertorio

Stagione finita per un calciatore della formazione Juniores provinciale del Pieve al Toppo. Il giudice sportivo lo ha sanzionato con una squalifica a tempo fino al prossimo 26 maggio. Il calciatore era stato espulso in seguito ad un fallo di gioco e “alla notifica del provvedimento appoggiava la propria mano sul petto dell’arbitro facendo pressione” e offendendolo.
Quattro turni ad un giocatore dell’Atletico Levane Leona che dopo aver ricevuto la seconda ammonizione ha offeso ripetutamente il direttore di gara. Tre turni per offese all’arbitro ad un calciatore dell’Alberoro, altrettanti ad un tesserato della Bucinese per condotta violenta.

Nel torneo under 17 provinciale vengono decimati i dirigenti dell’Arno Castiglioni Laterina. Uno di questi resterà fuori fino al 12 marzo, il suo collega fino al 26 dello stesso mese. E sempre fino al 26 marzo dovrà restare fuori dal rettangolo verde il tecnico della Terranuova Traiana.

Nel campionato under 16 squalificato fino al 9 aprile un dirigente del Tegoleto che “allontanato per offese al direttore di gara mentre usciva dal terreno di gioco reiterava la condotta offensiva”.

Non è andata meglio nel campionato under 14 dove il capitano della Tuscar resterà fuori per quattro turni a causa  del proprio comportamento “offensivo e minaccioso nei confronti del direttore di gara”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento