Dall'India all'Arezzo, Franzese si racconta: "Pissardo e Daga due giovani di valore"

Il preparatore dei portieri dell'Arezzo racconta così i suoi (quasi) due anni con il Cavallino

Francesco Franzese

Lo sosta forzata non ci voleva. "Ma adesso dobbiamo solo pensare alla saluteil calcio e tante altre cose passano in secondo piano" spiega Francesco Franzese, preparatore dei portieri del Cavallino.

"Ne approfitto per stare con la mia famiglia - racconta Franzese - e poi mi aggiorno e studio. Sto seguendo un corso Uefa B".

Classe 1981, un passato da calciatore anche da avversario dell'Arezzo con Novara e Castel Rigone, poi la decisione di intaprendere la carriera di allenatore, ovviamente dei portieri. E proprio con questo incarico nel 2014 parte per l'India.

"Mi chiamò Marco Materazzi e accettai di andare il terzo portiere al Chennaiyin oltre a ricoprire l'incarico di preparatore dei portieri - ricorda Franzese - è stata una bella esperienza. In rosa c'era anche Alessandro Nesta".

Dopo tre stagioni ecco il ritorno in Italia come preparatore dei portieri della Viterbese, avversaria dell'Arezzo, e quindi l'arrivo in viale Gramsci.

A Viterbo Iannarilli, ad Arezzo prima Pelagotti e adesso due giovani come Pissardo e Daga. Quanto è cambiato il metodo di lavoro?

"Più che il metodo di lavoro cheresta sempre più o meno lo stesso, andando a cercare di far crescere i portieri dove hanno delle difficoltà - spiega Franzese - è cambiato semmai l'approccio. Iannarilli e Pelagotti sono due portieri che hanno anni di esperienza alle spalle in prima squadra. Pissardo è al secondo anno in Lega Pro, Daga è giovanissimo. E' chiaro che devi cambiare qualcosa".

Quanto sono diversi Pissardo e Daga?

"Pissardo è un portiere forte nell'attaccare il pallone. Alto un metro e 83 ha già un'esperienza in serie C. Con lui, ma anche con i suoi compagni, cerchiamo anche di mgliorare nel lavoro podalico e nella gestione del pallone perchè mister Di Donato chiede di non gettare via il pallone e far ripartire da dietro l'azione. Daga è giovanissimo: un 2000, forte fisicamente. Sono due portieri giovani con ampi margini di miglioramento. Sono una risorsa per la società".

Soprattutto da gennaio in poi Pissardo è stato spesso decisivo.

"Più che cresciuto direi che ha acquisito sicurezza, merito dell'aver trovato continuità. Pii è chiaro che questo è un discorso che coinvolge un po' tutta la squadra".

Li sente spesso i suoi ragazzi?

“Ogni giorno. Hanno un programma per lavorare sulla forza e su alcuni aspetti. Poi quando possono scendono un attimo in un'area verde che hanno sotto la loro abitazione, ma a livello di corsa è difficile fare qualcosa”.

Visto l'affiatamento e il tipo di allenamento viene da pensare quasi che i portieri sono una sorta di 'squadra nella squadra'.

"Per certi versi è così ma solo per il tipo di lavoro che viene richiesto. Poi chi decide è mister Di Donato".

Che idea si è fatto di questo momento?

"Io penso sia inutile parlare di campionati, di riprese o altro. Pensiamo solo alla salute. Il calcio viene dopo. Noi possiamo anche giocare ad agosto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento