Dilettanti in campo contro il Coronavirus. I giocatori di Fulgor e Badia a Roti donano i soldi delle multe

In Valdarno dalla Seconda categoria alla serie D società in prima linea per aiutare la lotta al Coronavirus

Fai ritardo agli allenamenti? Scatta la multa. Ti fai espellere? Altra multa. Alzi la mano chi non conosce questo regolamento non scritto che vige all'interno di ogni spogliatoio, in ogni categoria. Alla fine con quei soldi rientra molto spesso una cena per salutare tutti insieme - giocatori, staff e dirigenti - la stagione. Chissà però quando e come si tornerà in campo e allora ecco che lo sport aretino ha deciso di intraprendere un'altra partita. Vedi i dilettanti e l'idea che ha avuto la Fulgor Castelfranco, formazione neopromossa nel campionato di Prima categoria. I giocatori gialloblù hanno deciso di donare i 600 euro raccolti fino ad oggi, frutto delle multe, alla protezione civile.

Non è stato da meno il Pergine. I biancoverdi, che hanno lasciato in stand by la corsa verso la promozione lo scorso febbraio, hanno aderito alla raccolta fondi per l'ospedale della Gruccia. In prima linea tutti i calciatori biancoverdi, uniti insieme ad altre società 'rivali' sul rettangolo verde ma unite contro il Covid-19.

Vedi ad esempio il Badia a Roti, tra le prime a lanciare una campagna simile a quella della Fulgor Castelfranco. Anche per i valdambrini le multe per aver violato le regole dello spogliatoio vanno all'ospedale della Gruccia.

Dalla Seconda categoria fino alla serie D. Non esistono distinzioni. Pergine, Badia a Roti, Fulgor Castelfranco come l'Aquila Montevarchi che ha pubblicizzato con forza sui propri canali social la raccolta fondi per l'ospedale della vallata.

Il grande cuore del Valdarno che si unisce oltre i campanili per cercare di superare quanto prima questo momento e dare sollievo a chi sta combattendo contro il Coronavirus. Anche ad Arezzo sono state aperte delle sottoscrizioni per aiutare il San Donato. Tra queste va ricordata quella di Orgoglio Amaranto, comitato dei tifosi che detiene l'uno per cento dell'Arezzo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento