Castiglionese-Pratovecchio: risultato congelato. In Terza 18 turni di squalifica in una sola partita

Le decisioni del giudice sportivo. Società multate e squalifiche da record

Il reclamo è stato presentato e la decisione su Castiglionese-Pratovecchio verrà presa più avanti. Intanto il risultato è stato congelato. Il 2-0 per i padroni di casa per adesso non è da considerarsi 'definitivo', quindi i tre punti conquistati dalla Castiglionese restano in stand by. Magari già la prossima settimana si saprà qualcosa di quello che i dirigenti del Pratovecchio hanno definito come 'un errore dell'arbitro'. L'episodio era accaduto alla mezz'ora del primo tempo. Un calciatore del Pratovecchio aveva realizzato un penalty, ma l'arbitro anzichè indicare il centrocampo aveva assegnato una punizione alla Castiglionese. Sono circolate più ipotesi su cosa abbia spinto l'arbitro e quale sia stata la sua interpretazione. Ad ogni modo il regolamento parla chiaro. Il rigore trasformato non viene ripetuto e si procede con l'assegnazione di una punizione se il pallone è calciato all'indietro, se chi calcia effettua una finta irregolare, se calcia un compagno che non era stato identificato, se il portiere e il calciatore che si appresta a battere il rigore commettono infrazioni.

"Giallo" in Castiglionese-Pratovecchio. Casentinesi pronti al reclamo: "Errore dell'arbitro"

Frasi discriminatorie di un tifoso, Castiglionese multata

I viola dovranno pagare 500 euro per un sostenitore isolato che ha "rivolto ad un calciatore avversario frase di discriminazione razziale. La sanzione è stata determinata in considerazione della ridotta dimensione e reale percezione del fenomeno isolato". Sanzionato per una giornata anche Frescucci, dirigente della Castiglionese. Multata anche la Sansovino con 110 euro per contegno offensivo verso il direttore gara.

Inibito fino all’8 marzo un dirigente del San Marco che alla notifica dell'ammonizione si rendeva colpevole di condotta blasfema. Dopo la notifica dell'allontanamento offendeva il direttore di gara.

18 giornate di squalifica in una sola partita

Ben 18 giornate di squalifica comminate in Terza categoria, tutte in Poppi-Sangiustinese. Otto turni ad un calciatore della Sangiustinese che "espulso per aver dato un pugno ad un calciatore avversario procurandogli una ferita al naso con fuoriuscita di sangue veniva a vie di fatto con un tesserato avversario con il quale si prendeva per il collo strattonandosi più volte".

Altre cinque giornate al giocatore del Poppi che si è scontrato contro il collega biancoverde e che una volta "espulso, quale giocatore di riserva, dopo essere entrato indebitamente sul terreno di gioco, veniva a vie di fatto con tesserato avversario con il quale si prendeva per il collo strattonandosi più volte".
Altre quattro giornate ad un calciatore del Poppi che "espulso perché, quale giocatore di riserva, dopo essere entrato indebitamente sul terreno di gioco, veniva a contatto con un tesserato avversario con il quale si prendeva per il collo strattonandosi più volte. Un turno di squalifica ad un altro tesserato dalla Sangiustinese".

Rigettato il ricorso di Matteo Calussi, giocatore del Lucignano per la squalifica di tre giornate. Rinviato al 31 gennaio il dibattimento della Sangiustinese per una vicenda riguardante la posizione di alcuni tesserati nel corso della stagione 2019/2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Trasporto eccezionale perde lastre di cemento in curva. Chiuso lo svincolo al ponte dell'ex Lebole

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Schianto auto moto, due 19enni feriti: uno soccorso con Pegaso

  • Ciclista travolto da un'auto. La conducente: "Non l'ho visto", scatta la denuncia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento