Torna Belloni, Picchi è più di una idea: così l'Arezzo contro la Juve. Pieroni a Milano per il mercato

Ultimi allenamenti in viale Gramsci prima della partenza per il Piemonte. Di Donato recupera Belloni e valuta Picchi. Mercato: offerte per Mesina

Alberto Picchi

Belloni può tornare dall'inizio dopo il turno di squalifica, mentre in mediana non è da escludere un ballottaggio tra Picchi e Tassi. Sono queste le principali novità emerse dalla seduta di questo pomeriggio in viale Gramsci. L'Arezzo sta ultimando la preparazione prima della partenza verso il Moccagatta dove affronterà la Juventus Under 23. Da qui via alla settimana che chiuderà il mese di gennaio con il trittico rappresentato da bianconeri, Lecco mercoledì prossimo (ore 18:30) e Pergolettese in casa domenica 26. Ma oltre ad un calendario sulla carta agevole che potrebbe spingere l'Arezzo a cercare il primo successo esterno della stagione (assente dal 4 maggio scorso).

Arezzo, il bilancio al 30 giugno 2019: perdite per 1,9 milioni ripianate dalla proprietà

Sul campo Lebole mister Di Donato ha osservato la partitella in famiglia che oltre alla conferma del 4-4-2 ha permesso anche di intravedere possibili novità in vista della sfida contro la Juventus B, a cui non prenderanno parte per protesta i tifosi amaranto. Contro i bianconeri tornerà Belloni mentre al centro della mediana non è da escludere l'inserimento di Picchi per Tassi alla luce anche di una settimana ricca di impegni e con la possibilità di alzare i giri in termini di punti e redimento. Per il resto tutto confermato sia in difesa che in attacco con la coppia Gori-Cutolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pieroni a Milano per il mercato

Ermanno Pieroni ha già raggiunto la sede del calciomercato. A quindici giorni esatti dalla chiusura del mercato il direttore generale ha raggiunto gli altri operatori, da qui poi si sposterà ad Alessandria nel fine settimana ed è prevedibile possa poi spostarsi a Novarello dove gli amaranto resteranno in ritiro fino a mercoledì. Intanto Pieroni sta incontrando vari dirigenti di club di serie A e B (Inter, Fiorentina, Empoli e non solo). Al centro degli incontri ovviamente le strade del mercato che l'Arezzo vuole percorrere anche in uscita anche se per il momento oltre a Choe, che ha rescisso, e Artini passato al Terranuova Traiana resta in sordian. L'obiettivo è piazzare i vari Votino, Laneve, Barbini, Bargiggia, Sbarzella, Burzigotti e Raja, mentre a quanto pare Zini non lascerà viale Gramsci. Non partirà nemmeno Mesina nonostante al Cavallino e al giocatore siano arrivate proposte da serie D e Lega Pro. Come spiega Filippo Pirisi, procuratore dell'attaccante, Mesina piace ad alcune squadre, ma ad Arezzo si trova bene ed ha la fiducia dello staff tecnico visto anche un minutaggio che è salito nell'ultima parte del 2019. Consapevole di quanto sia folta la concorrenza in viale Gramsci, il calciatore non sembra proprio destinato a partire, forte anche di un accordo fino al 2021 con opzione per un altro anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Ambulante sventa un furto e l'azienda lo assume. Iboyi tra i dipendenti di Obi

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento