Arezzo, il richiamo di OA: "Condivisione e trasparenza principi fondanti. Subito un cda"

Il comitato chiede la convocazione di un cda quanto prima per appianare le divergenze.

Interviene anche Orgoglio Amaranto in merito alle frizioni tra i soci della S.S. Arezzo, Giorgio La Cava e Massimo Anselmi. Con una nota stampa il comitato che rappresenta i tifosi all'interno della società ammette di essere a conoscenza delle divergenze e al tempo stesso ribadisce due principi fondamentali per la gestione del club come "condivisione e trasparenza". OA chiede anche la convocazione immediata di un consiglio di amministrazione per poi convocare l'assemblea dei soci.

Orgoglio Amaranto quale socio della S.S. Arezzo, è sempre stato consapevole e partecipe di alcune divergenze tra i soci riguardo alla conduzione della società. Adesso, osservando l'escalation di prese di posizione tra i due principali soci della S.S. Arezzo richiama tutti alla ragionevolezza e a ricomporre le problematiche sollevate nelle sedi opportune, nel segno di due principi fondanti di OA: la condivisione e la trasparenza. Un consiglio di amministrazione si rivela essere quantomeno urgente. Subito dopo sarà nostro compito e nostra premura convocare tutti i soci del comitato per un'assemblea.

Potrebbe interessarti

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Sigarette addio: trucchi e consigli per smettere di fumare

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Prima di partire per un lungo viaggio...non dimenticare queste 8 cose

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Ragazza di 25 anni si schianta contro il guard rail sul ponte della Meridiana

  • Schianto tra due auto, feriti due ventenni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento