Il trial non delude le attese e trova nel Miravalle una sua “casa”

Sette ore di gara, sotto il sole cocente, per i piloti del Trofeo Centro Sud. Ottima organizzazione del Moto Club Brilli Peri, spettacolo di livello

Trial al Miravalle, esame superato. Il ritorno di questa specialità del motociclismo fuoristrada, a venti anni dall’ultima apparizione, sul crossodromo di Montevarchi, è stato segnato dal successo.

La quarta prova del Trofeo Centro Sud, una sorta di maxi-campionato delle regioni dell’Italia centro meridionale, ha riscosso infatti il pieno gradimento dei 64 piloti che si sono presentati al via e dai tanti appassionati che, abituati ad ammirare le gare di cross proposte dal Moto Club Brilli Peri, si sono lasciati incuriosire dal trial, funambolico ed iper-tecnico.

Il tutto nonostante una domenica caratterizzata dal caldo torrido e dalla concomitanza con altri eventi motoristici. Il Miravalle, ben preparato in collaborazione con gli specialisti del trial nazionale e regionale della Federmoto, si è dimostrato scenario ideale per mettere alla prova, su sentieri, sottobosco e strapiombi, le capacità di equilibrismo dei trialisti.

La gara è scattata alle 10.00, tre i giri da percorrere lungo un itinerario che ha sfruttato sia il circuito sia le aree circostanti, con 8 prove no-stop a giro. Si tratta di punti controllati, particolarmente ardui da superare, senza, possibilmente, appoggiare i piedi a terra o, peggio, perdere l’equilibrio. Ogni errore si traduce in penalità che determinano la classifica, premiando i più puliti e precisi. Concorrenti e tecnici dell’ambiente hanno giudicato positivamente il tracciato, di stile classico, con ostacoli naturali più che artificiali, “tosto” e selettivo al punto giusto. Ci sono volute quasi sette ore per concludere la prova, molto impegnativa sia fisicamente sia psicologicamente.

Questi i vincitori di giornata: categoria TR5, Maurizio Aluffi (TRRS); TR4, Luca Menichelli (Vertigo); TR3, Giacomo Gasco (Beta); TR3 Open, Francesco Pasquali (Beta); Vintage A, Marco Marranci (Beta); Minitrial B, Antonio Cicchino (Beta); Minitrial C, Francesco Moscioni (Beta); Minitrial D, Alessandro Menna.

L’importanza dell’appuntamento ha richiamato numerosi dirigente dell’ambiente, dal coordinatore nazionale della specialità, il versiliese Francesco Lunardini (uno che per primo ha creduto al ritorno del trial a Montevarchi), al Presidente del Comitato Regionale Federmoto toscana Roberto Nesticò; dal responsabile della commissione regionale (e componente nazionale), l’aretino Andrea Valenti, al delegato provinciale di Siena, nonché Direttore di Gara, Mauro Dottori.

E ora pare certo che nel futuro del Moto Club Brilli Peri e dell’area di Miravalle ci possano essere altre manifestazioni nazionali di trial: un ampliamento di offerta che si traduce anche in un’opportunità in più di promozione del territorio.

Potrebbe interessarti

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie

  • Zanzare, il Comune di Arezzo disinfesta: le precauzioni

  • Formiche, i rimedi naturali e non per allontanarle

  • 26 giugno 1288 | La disfatta senese alle Giostre del Toppo

I più letti della settimana

  • Trovato morto in un dirupo senza vestiti

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Si ribaltano con l'auto: incidente lungo le strade dell'Aretino. Giovane incastrata tra le lamiere

  • Chiusi dopo il caso del "tonno in ascensore". I titolari del ristorante: "Ci scusiamo, dateci fiducia"

  • Giostra, Porta del Foro torna a ruggire: dopo 12 anni porta a casa la lancia

  • È Giostra, alle 21,15 la decisione. Sopralluogo del quartieri sulla lizza - LIVE

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento