Stop ai campionati di rugby: l'Union Arezzo chiude all'ottavo posto

La federazione ha reso nota la sospensione definitiva della stagione 2019-2020 e la mancata assegnazione di titoli, promozioni e retrocessioni, dunque la Union Rugby Arezzo archivia la sua prima esperienza nella serie C1

Stop ai campionati di rugby. La federazione ha reso nota la sospensione definitiva della stagione 2019-2020 e la mancata assegnazione di titoli, promozioni e retrocessioni, dunque la Union Rugby Arezzo archivia la sua prima esperienza nella serie C1 nazionale con un ottavo posto. Quattro vittorie e sette sconfitte è il bilancio di una società che, costituitasi la scorsa estate, aveva aggregato un numeroso gruppo composto da rugbisti della Vasari Rugby reduci da esperienze in B, da ragazzi cresciuti nel settore giovanile dell’Arezzo Rugby e da ex-giocatori degli Arieti Rugby, andando così a concretizzare il progetto di riunificazione sotto gli stessi colori delle diverse realtà del rugby cittadino.

Il campionato si era aperto con due vittorie consecutive su Elba Rugby e Cus Pisa, poi la Union Rugby Arezzo ha conosciuto una flessione dovuta agli scontri con avversari ai vertici della classifica e ad un calendario eccessivamente spezzettato che ha impedito di giocare con continuità e di andare così a definire l’identità tecnica e tattica di una squadra appena costituita. Le altre vittorie sono state ottenute su Amatori Rugby Cecina e Olbia Rugby, mentre l’ultima partita è stata disputata lo scorso 16 febbraio sul campo dell’Elba Rugby con il debutto in panchina del nuovo allenatore Pasquale D’Antonio.

Il termine del campionato di C1 è giunto con ancora dieci giornate da giocare e risponde ad una triplice motivazione indicata dallo stesso consiglio federale: la necessità di tutelare la salute e il futuro dei giocatori di rugby di ogni età, la necessità di mostrare attenzione verso le attuali condizioni sanitarie ed economiche del Paese, e la necessità di fornire alle società la possibilità di operare in regime di chiarezza rispetto alle attività previste nei prossimi mesi. La ripresa delle attività è stata infine fissata per la stagione 2020-2021 con modalità che saranno prossimamente normate dalla federazione e successivamente comunicate. «La sospensione definitiva dei campionati - commenta Alessandro Rossi, presidente della Union Rugby Arezzo, - appare come la miglior decisione ispirata dal buon senso in una tale situazione di incertezza e dopo uno stop tanto lungo. Il bilancio della prima stagione della Union Rugby Arezzo è in chiaroscuro: la soddisfazione è legata all’aver gettato le basi per un progetto comune del movimento rugbistico cittadino, ma i risultati sul campo non sono spesso stati coerenti con i reali valori della squadra. Ora attendiamo la fine dell’emergenza, poi inizieremo a lavorare in vista della nuova stagione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento