Varata la nuova Luna Rossa, Bertelli: "Grande emozione, è un'imbarcazione rivoluzionaria"

L'imbarcazione firmata Prada Pirelli parteciperà nel 2021 alla 36esima edizione della America's Cup. Il  monoscafo rappresenterà l'Italia nel trofeo più antico e prestigioso della vela

Il sogno è pronto a ripartire, a gonfie vele. E' stata svelata al molo Ichnusa a Cagliari la nuova Luna Rossa.  L'imbarcazione firmata Prada Pirelli parteciperà nel 2021 alla 36esima edizione della America's Cup. Il  monoscafo, definito già rivoluzionario, rappresenterà  l'Italia e il Circolo della Vela Sicilia nel trofeo più antico e prestigioso della vela.

Siamo alla nostra sesta sfida in Coppa America - ha detto Patrizio Bertelli, al fianco di Miuccia nel giorno del varo di Luna Rossa -, ma l’emozione del varo rimane invariata: è il momento magico che sintetizza l’impegno di tanti mesi di lavoro e l’aspettativa di veder finalmente navigare quella che finora era solo un progetto. In questo caso, poi, la rivoluzionaria innovazione con cui è stato reinterpretato il concetto stesso di monoscafo introduce un’aspettativa ancora più forte’”.

Dopo la benedizione dell’imbarcazione impartita dall'arcivescovo di Cagliari, monsignor Arrigo Miglio, Arcivescovo di Cagliari, Miuccia Prada, madrina del varo, con al suo fianco  Bertelli (presidente di Luna Rossa Prada Pirelli Team), Agostino Randazzo (presidente del Circolo della Vela Sicilia) e Marco Tronchetti Provera (Ceo di Pirelli, co-title sponsor del team Luna Rossa e partner nello sviluppo tecnologico) ha ripercorso la tradizione, infrangendo una bottiglia di Ferrari Maximum Blanc de Blancs sullo scafo.

Al varo era presente anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che si trovava in viaggio istituzionale a Cagliari che si è intrattenuto con l’equipaggio e i membri del team.

Ma perché questa imbarcazione è stata definita rivoluzionaria? Si tratta, si legge in una nota di Luna Rossa, di un " monoscafo volante"

L’AC75 Luna Rossa, costruito dal cantiere Persico Marine, ha impegnato piú di 90 persone, di cui 37 designer del team per quasi due anni per un totale di 78.000 ore lavorative. 

Per realizzare lo scafo sono stati impiegati 7.000 metri quadrati di fibra di carbonio e 400 metri quadrati di nido d’ape in alluminio. Le due derive mobili in carbonio, gli innovativi “foil arm”, del peso di circa 500 chilogrammi ognuna, sono progettate per sostenere un carico massimo di 27 tonnellate.

Il monoscafo è inoltre dotato di un “soft wing”. Un  sistema "costituito da due rande issate parallelamente, all’interno delle quali sono inseriti i controlli della forma della vela. Questo consente di avere un’efficienza pari a un’ala rigida ma con una facilitá di utilizzo e gestibilitá simili a quelli di una vela tradizionale. Per la sua realizzazione sono stati utilizzati 20.000 chilometri di fili in carbonio, mentre ne sono necessari 5.000 per tessere ogni fiocco e 12.000 per ogni “code zero”, la vela da andature portanti con vento leggero".

Dati tecnici

La nuova Luna Rossa è lunga 75 piedi, larga 5 metri che pesca 5 metri. Ha un albero di 26,5 metri, ed una superfice velica con randa doppia non rigida fatta da due vele accoppiate. Il peso della barca è di 6500 kg, mentre il peso dell'equipaggio, formato da 11 persone, è di 990 kg. La velocità è intorno ai 25 nodi di bolina, anche 30-35 e 45-50 nodi in poppa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

  • 4 Ristoranti ad Arezzo: ci siamo. Arriva Alessandro Borghese

  • Allagamenti ad Arezzo: strade chiuse e piante crollate

  • Quanto dura il maltempo? Le previsioni meteo ad Arezzo per il weekend

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento