La prima Intra Tevere et Arno del sindaco Remo Ricci

Il primo cittadino di Castel Focognano ha inaugurato la 36° edizione della manifestazione di Rassina

La Intra Tevere et Arno ha certamente una valenza particolare per i valori di fratellanza tra le varie comunità che gravitano attorno al Tevere e all’Arno. Una manifestazione consolidata e giunta alla sua 36° edizione grazie alla volontà ed alla dedizione dei veterani dello sport di Arezzo, che l’hanno ideata e portata avanti nel corso di questi anni. Dopo una fase preliminare sul sagrato del duomo di Arezzo dove la rappresentanza aretina è stata accolta e benedetta da don Alvaro Bardelli, la partenza ufficiale della staffetta ha avuto luogo a Rassina dove a fare da starter e cerimoniere è stato il neo sindaco di Castel Focognano Remo Ricci.

“Sono davvero onorato di aver presenziato a questo evento che è ormai entrato nella storia dei nostri territori – ha dichiarato il primo cittadino di Castel Focognano – e sono davvero grato ai veterani dello sport e a tutti gli atleti per questo appuntamento che ha certamente una notevole importanza per i valori che esprime e si porta dietro. Da uomo di sport sono fermamente convinto di quanto sia significativa la pratica sportiva che contribuisce ad avere una notevole rilevanza nella collettività locale e a livello sociale. Mi preme quindi ringraziare tutti coloro che si sono attivati per dare vita e continuità a questa staffetta così particolare visto che il testimone è rappresentato da una borraccia contenente l’acqua dell’Arno che poi viene riversata nel Tevere come gesto di fratellanza fra le nostre comunità. Ribadisco quindi la soddisfazione di poter accogliere questa carovana di atleti e ringrazio anche a nome della amministrazione comunale tutti gli organizzatori ed i partecipanti a questo evento così particolare ed affascinante proprio per i valori che si porta dietro”.

Al sindaco di Castel Focognano è stata poi consegnata prima della partenza una pergamena a ricordo di questa adesione alla Intra Tevere et Arno che, nonostante le difficoltà operative espresse dal presidente dei veterani sportivi di Arezzo Benucci, continua a crescere e a proseguire nel suo “cammino” che attraverso lo sport sviluppa valori e tradizioni all’insegna della pace e della fratellanza.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Batterio New Delhi: un caso nell'Aretino. Il monitoraggio e la prevenzione in Toscana

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

  • "Carne francese venduta come argentina", mega multe dei Forestali a un banco di Street Food

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento