Eleonora Camisa, vittoria e record al Challenge di Ginevra

L’atleta della Chimera Nuoto ha vinto in Svizzera i 100 delfino Junior, stabilendo il nuovo record nella categoria. Sette atleti della società aretina hanno vissuto la lunga trasferta insieme al Nuoto Valdinievole.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ArezzoNotizie

Il 2019 della Chimera Nuoto ha preso il via con una medaglia internazionale arrivata nella lontana Svizzera.

La società aretina ha aperto il nuovo anno gareggiando al 52° Challenge di Ginevra con un gruppo di sette atleti che, accompagnati dai tecnici Marco Magara e Marco Licastro, si sono messi alla prova in una competizione che ha richiamato alcuni dei maggiori nuotatori dall’Italia e dall’estero (tra gli azzurri erano presenti Burdisso e Di Liddo, medaglie di bronzo agli ultimi Europei).

La gara ha visto la Chimera Nuoto gemellarsi con il Nuoto Valdinievole con cui ha organizzato e condiviso la lunga trasferta per fornire agli atleti delle due realtà toscane la possibilità di vivere un’ulteriore occasione di incontro, confronto e amicizia. In un contesto tanto prestigioso è spiccata la bella prestazione di Eleonora Camisa del 2002 che ha trionfato nei 100 delfino della categoria Junior (risultando come la seconda migliore tra gli Assoluti) e che ha stabilito il nuovo record della manifestazione per la sua fascia d’età, fissando il cronometro su 1’01”19.

L’aretina ha ottenuto un ottimo risultato anche nei 50 delfino e nei 200 delfino dove ha colto un doppio quarto posto rispettivamente nelle categorie Assoluti e Junior, confermandosi così tra le promesse del nuoto italiano e gettando le basi per una stagione in cui proverà a lasciare il segno negli ormai prossimi campionati regionali e nazionali. A completare la squadra della Chimera Nuoto al Challenge di Ginevra sono stati Emanuele Fiorilli, Gabriele Fioravanti, Francesca Giomarelli, Giuditta Rachini, Alessandro Tavanti e Matteo Vasarri: pur non essendo saliti sul podio, questi atleti hanno colto buone prestazioni cronometriche e quasi tutti hanno segnato i loro migliori tempi personali. «Gara dopo gara - spiega Magara, - Camisa sta sempre più dimostrando di poter competere per grandi risultati. L’ultima conferma arriva dalla trasferta di Ginevra che, comunque, ha rappresentato per tutti i nostri ragazzi una bella occasione per maturare esperienza internazionale in un contesto di assoluto livello».

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento