Aggressione all'arbitro: custode squalificato fino al 2021. Multe salate per le aretine

Mano pesante del Giudice Sportivo nei confronti di un dirigente del Guazzino, squalificato fino al 2021. Come riporta l'ultimo bollettino della Lnd Toscana il tesserato della società senese al termine del confronto perso per 1-0 contro il Santa...

Dilettanti_arbitro_calciatore

Mano pesante del Giudice Sportivo nei confronti di un dirigente del Guazzino, squalificato fino al 2021. Come riporta l'ultimo bollettino della Lnd Toscana il tesserato della società senese al termine del confronto perso per 1-0 contro il Santa Firmina non ha trattenuto la propria rabbia.

Un calcio all'arbitro, offese e poi il tentativo di accedere allo spogliatoio del fischietto utilizzando le chiavi di riserva come riporta il bollettino. Sul posto domenica si erano recati anche i carabinieri per scorate il direttore di gara fuori dall'impianto sportivo come ammesso dagli stessi dirigenti del Guazzino. Per il custode il rientro in campo è previsto non prima del 20 aprile 2021. Squalificato fino al 4 ottobre anche un altro dirigente e due giocatori per una giornata. Per un altro giocatore ecco invece una squalifica fino al 20 novembre perché "a fine gara stringeva molto forte la mano del direttore di gara, insistendo nella stretta per circa 5 secondi, costringendo l'Arbitro a chiedere di lasciare la presa".

La società è stata sanzionata anche con 350 euro di multa per "aver consentito a dirigente non indicato in distinta di accedere al recinto spogliatoi ed al locale riservato all'arbitro. Per mancata assistenza all'arbitro a fine gara".

Stangate anche le aretine. Sono 160 gli euro di multa comminati al Soci Casentino per "contegno offensivo verso la terna e l'organizzazione arbitrale". La Fratta Santa Caterina dovrà pagare 110 euro per "contegno offensivo nei confronti del direttore di gara". Arrivano ben 500 euro di multa a testa per Lorese e Pestello. Entrambe le società pagano (a caro prezzo) "l'accensione di fumogeni a inizio partita".

Giudice Sportivo, la ricostruzione e i motivi che hanno portato alla squalifica del custode del Guazzino:

"Dirigente con funzioni di custode si rivolgeva indebitamente al direttore di gara chiedendogli spiegazioni circa l'operato arbitrale e non ricevendo risposta colpiva da tergo il direttore di gara con un forte calcio alla gamba destra, facendolo cadere a terra dolorante. Di poi accusava l'arbitro di autolesionismo strattonandolo più volte nel tentativo di farlo rialzare e nel contempo lo offendeva. L'arbitro riusciva a rialzarsi dopo circa 3 minuti e raggiungeva lo spogliatoio chiudendosi a chiave al suo interno. Il dirigente, munitosi delle chiavi di scorta, apriva la porta, entrando indebitamente nello spogliatoio cercando di minimizzare l'accaduto ed usciva solamente dopo vari inviti da parte dell'arbitro. A causa della persistenza del forte dolore, il direttore di gara si recava presso P.O. di Santa Maria Annunziata in Firenze, ove gli veniva rilasciata certificazione medica con prognosi di 4 giorni, che viene acquisita agli atti. Gli eventuali danni subiti dall'arbitro saranno posti a carico della società oggettivamente responsabile". Twitter @MatteoMarzotti

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

  • New Delhi, oltre 30 decessi sospetti in Toscana. L'infettivologo di Arezzo: "Vi spiego come si previene"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento