Fonda startup e con una app raccoglie un milione e mezzo di euro di finanziamenti. La storia di Emanuele

Il 39enne Zamponi, originario di Chitignano, è uno dei fondatori di Mela Works e ha promosso una app

Emiliano Zamponi

E' uno dei fondatori di una startup "da un milione e mezzo di euro". A tanto infatti ammonta il finanziamento del fondo di Venture Capital italo-francese 360 Capital per un'applicazione che, insieme a due soci, ha sviluppato per rendere più facile la comunicazione tra chi lavora da remoto e chi lavora sul campo.

C’è anche un po’ di Arezzo dietro a questa innovativa applicazione. Il 39enne Emanuele Zamponi, originario di Chitignano, è infatti uno dei fondatori della startup Mela Works. Dopo gli studi al Liceo Scientifico Galileo Galilei di Poppi, Emanuele si è laureato in Ingegneria all’Università di Firenze e ha poi approfondito gli studi al Cirad di Monpellier e alla Denmark Technical University. Prima di fondare Mela Works ha lavorato per Enel, seguendo progetti sia in Italia che all’estero. Oggi Emanuele vive a Jesolo, città di origine della moglie.

Nel 2017 Zamponi, insieme a Riccardo Chiarelli e Francesco Putignano hanno fondato la Mela Works.  Oggi collabora con alcuni dei principali player del settore costruzioni, delle utilities, dell’energia, del petrolchimico e altri ancora. Dalla fondazione Mela Works ha raccolto finanziamenti per circa 2 milioni di euro e oggi opera attraverso un team di 6 persone, che conta di triplicare entro la fine dell’anno.

La sua startup ha puntato sullo sviluppo dell’app Mela (che in sanscrito significa "incontro"), che consente ai lavoratori impegnati in progetti sul campo sul campo di collaborare e condividere informazioni in tempo reale, migliorando l'efficienza e la trasparenza delle informazioni, generando al tempo stesso benefici sia economici che organizzativi a chi la utilizzerà per la gestione delle informazioni e delle risorse sul campo.

Ma come funziona la app che si è guadagnata il maxi finanziamento?

“Troppo spesso la comunicazione frammentata è causa di errori sul lavoro, rende difficoltoso identificare la causa di un problema e ha un impatto significativo anche in termini economici - spiegano Zamponi,  Putignano e Chiarelli  -. Abbiamo progettato Mela per semplificare il tracciamento delle informazioni sul campo in modo facile e alla portata di tutti. Soprattutto in questa fase di ripartenza legata alle Fase 2, sarà fondamentale per le aziende poter gestire i lavori sul campo e siamo certi che Mela potrebbe essere un ottimo alleato per molte imprese”.  

Le aziende che in questo momento potrebbero essere aiutate dall’utilizzo di Mela sono le utilities e quelle delle costruzioni, sia imprese impegnate nella realizzazione di grandi opere e progetti complessi, sia le imprese edili di dimensioni medio-piccole che hanno la necessità di far ripartire i cantieri in tempi brevi, con l’obbligo di rispettare tutte le prescrizioni disposte per l’uscita dalla Fase 1 e la ripresa delle attività. Ma anche i professionisti di altri settori (es: chimico, manifatturiero, project management) possono utilizzare Mela per gestire sul campo attività come la manutenzione, le ispezioni, le pulizie o la sanificazione degli ambienti, assicurando la condivisione tempestiva delle informazioni, la tracciatura delle attività svolte e il miglioramento degli standard qualitativi.

In pratica gli utenti si troveranno di fronte una chat simile a Whatsapp, ma quando sarà il momento trasferire i file raccolti sul campo (foto e video) in un pc, non dovranno far ricorso a email o altri supporti, ma potranno allocarli direttamente all'interno del terminale.

"Grazie alla possibilità di creare gruppi - spiegano i fondatori della startup - , come in una normale chat, gli operatori che utilizzano Mela possono scambiarsi informazioni in tempo reale e condividere un lavoro importante con tutti i soggetti coinvolti in un progetto, siano essi colleghi, clienti o fornitori. Mela consente inoltre di tracciare in modo semplice persone, materiali e servizi all'interno di ogni singola Task e con semplice click è possibile esportarli in diversi formati, creando in automatico un report completo pronto per essere stampato, analizzato o condiviso., senza alcun lavoro o intervento aggiuntivo. Tutte le informazioni inserite e condivise su Mela sono facilmente e rapidamente recuperabili grazie a un sistema di ricerca intuitivo e flessibile".

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Dal San Donato all’Armenia, medico aretino in missione per combattere il Covid-19

  • Quella mini Silicon Valley nata durante la quarantena Covid. La storia di Esimple e Livemote

  • "Dieci amici in una villa, sulle orme del Decamerone". Il concorso che mette in palio un soggiorno nell'Aretino

  • Discoteche, tra ingressi dimezzati e tavoli sulla pista: verso la riapertura. Ghezzi: "Così ripenseremo i locali"

  • "Il porta a porta triplica le polveri, invito tutti i candidati all'impianto Aisa". L'intervista a Giacomo Cherici

  • Matrimoni, così gli innamorati pensano al grande giorno dopo l'epidemia. Tra lacrime e nuove idee

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento