Ristoranti e bar, le nuove regole in Toscana da oggi: niente buffet all'aperitivo

Le norme, sintetizzate da Anci, sono valide per ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie (anche se in alberghi, stabilimenti balneari e centri commerciali), catering

Dopo l'ultimo decreto del presidente del Consiglio e l'ordinanza della Regione Toscana, ecco le indacazioni da seguire per quanto riguarda la ristorazione in Toscana dopo il 18 maggio 2020, sintetizzate dall'Anci (l'associazione dei Comuni). Sono valide per ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie, rosticcerie (anche se in alberghi, stabilimenti balneari e centri commerciali), catering. Non si potrà fare, ad esempio, il classico aperitivo a buffet. E' raccomandato l'uso della prenotazione. E' imposto un metro di distanza tra i tavoli, oppure vanno installate barriere di separazione.

Le regole per la ristorazione in Toscana dal 18 maggio

  • Informare sulle norme di prevenzione, anche per agli stranieri
  • Si potrà rilevare la temperatura corporea, impedendo l’accesso a chi ha più di 37,5 °C
  • Predisporre prodotti igienizzanti per clienti e personale, in particolare all’entrata e vicino ai servizi igienici, da pulire più volte al giorno
  • Dove ci sono posti a sedere, privilegiare la prenotazione e mantenere l’elenco per 14 giorni. Non ci possono essere all’interno più clienti dei posti a sedere
  • Se non ci sono posti a sedere, consentire l’ingresso a pochi clienti per volta, in base alle caratteristiche dei locali, per assicurare almeno 1 metro di separazione
  • Dove possibile utilizzare gli spazi esterni (giardini, terrazze), sempre con 1 metro di separazione tra clienti
  • Le sedute ai tavoli devono garantire 1 metro di separazione (eccetto per chi può non rispettare questa regola, con responsabilità del cliente). La distanza può essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra tavoli
  • La consumazione al banco è consentita solo se è possibile tenere la distanza di 1 metro (eccetto chi può non rispettare questa regola, con responsabilità del cliente)
  • La consumazione a buffet non è consentita
  • Il personale di sala deve usare la mascherina e igienizzarsi le mani spesso e sempre prima di ogni servizio al tavolo
  • Favorire il ricambio d’aria ed escludere totalmente il ricircolo aria per gli impianti di condizionamento
  • La cassa può avere barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve usare mascherina e gel per le mani. In ogni caso, favorire il pagamento elettronico al tavolo
  • I clienti dovranno usare la mascherina quando non seduti al tavolo
  • Al termine di ogni servizio al tavolo si dovrà disinfettare tutto. Per i menù, favorire la consultazione online, o farli plastificare (disinfettabili), o usare carta a perdere

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Arezzo fa scuola: termoscanner e semafori, l'Itis diventa anti-Covid grazie a Saima

  • Il futuro di Aboca: contadini-robot e 100 assunzioni. Mercati a ruota libera: "Carne a prezzi bassi? Veleno e dolore"

  • In palestra già cambiati e su prenotazione. Domani la prima riapertura: tutte le novità

  • Ferragamo guarda oltre il coronavirus: "Riapriamo Il Borro dal 1° luglio e riportiamo turisti in provincia di Arezzo"

  • Il triplo isolamento delle famiglie con disabili. "Il post lockdown è l'occasione per ripensare i servizi"

  • Tra palco ed emergenza Covid. Il futuro di Mare di Mezzo, la chitarra venuta dal Mediterraneo

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento