← Tutte le segnalazioni

Altro

Mascherine: "Quelle distribuite dalla Regione? Poco sicure"

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di una cittadina.

Queste sono le mascherine prese oggi con il codice fiscale in farmacia. Voglio dire alla Regione, ci state prendendo in giro? Queste non servono neanche per spolverare. Se il mese prossimo dovete darle così meglio che lasciate perdere, con queste il virus si prende tranquillamente.

Come funzionano le mascherine "Made in Tuscany" distribuite gratuitamente

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Non è bella, ma di mascherine belle non ce ne sono in giro, altre regioni non ce le hanno per niente e noi gratis per un mese. . Una bugia dire che non funzionano, sono state testate per ben due volte dall'universita degli studi di Firenze. Chi le contesta da quale test parte? L'utente ci dica chi ha fatto il test contrario e noi capiremo, altrimenti come sempre si tratta di altro. Se non le piacciono , può non metterle e trovarne altre. Meglio se le resistuisce e non le butti sono soldi pubblici a qualcuno possono fare comodo.

    • io le contesto e parto dal test che ho fatto indossandole: non mi arrivano a coprire naso e bocca allo stesso tempo. se sto immobile sì, pur lasciando spazi amplissimi di fuoriuscita aerosol, se pronuncio una parola, mi finisce in bocca. e con le mascherine non funziona che piuttost che nient, l'è megl piuttost. occorre sapere esattamente come usarle e come funzionino, altrimenti diventano veicoli di infezione, non di protezione.

      • Vuole che le dica che anche le altre non vanno bene a tutte le forme di viso? A mia nipote che ha il viso più piccolo del mio stanno larghe e da ogni lato sia a destra che a sinistra entrano spifferi? Le dobbiamo ripremdere tutte, non sono su misura, purtroppo.

        • non ho ben capito l'ultimo discorso, se a tua nipote stanno larghe è indubitabilmente sempre lo stesso problema: le mascherine chirurgiche sono a soffietto proprio per riuscire ad adattarsi alla stragrande maggioranza della popolazione riuscendo a ridurre anche con il regolatore nasale, le possibilità di fuoriuscita aerosol. queste sono bandelle di stoffa, non elastiche, non a soffietto e troppo piccole. già usiamo in modo vergognoso quelle fatte per bene, se poi ci dicono di usare prodotti non pensati (sul serio, si fanno i test sul tessuto ma non sulla forma?????) allora molto meglio non usare niente e prestare attenzione ad igiene e distanziamento sociale. quanto ci costano le milionate di mascherine inutilizzabili? io non le vado a ritirare, ad esempio, evito di riempirmi la casa di pezzi di stoffa inutili, ma il rossi le paga di tasca propria o coi soldi nostri? praticamente ci regala, lui estimatore delle ciarlatanerie omeopatiche, delle mascherine omeopatiche. ma non bastava copiare quelle fatte come dio comanda? per quale motivo si deve fare una cosa diversa?

  • sul materiale non so, ma sulla forma...giusto un bambino può riuscire a tenere sia il naso che la bocca coperti da un prodotto del genere, è troppo piccola, a molti finisce sotto il naso (mascherina da buttare) anche solo girando la testa, a quasi tutti basta pronunciare un paio di parole e la mascherina finisce o in bocca o sotto al naso. lascia ampi spazi di uscita aerosol accanto al naso, accanto alla bocca e sulle guance: se anche il tessuto fosse buono per essere definita DPI, di certo non può esserlo la mascherina perchè ha una forma inutilizzabile.

Segnalazioni popolari

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento