Come e perché è stato istituito il Giorno del Ricordo

Tra il settembre del 1943 e il febbraio 1947, furono annegate, fucilate, massacrate persone, 3mila erano italiane

Con la legge n. 92 del 30 marzo 2004, si celebra il Giorno del Ricordo. Nel secondo dopoguerra, tra il settembre del 1943 e il febbraio 1947, furono annegate, fucilate, massacrate persone, 3.000 erano italiane. Si ricorda anche l'esodo degli istriani, dei dalmati e dei fiumani dalle loro terre. A compiere i massacri furono i partigiani di Tito. I corpi furono gettati nelle grotte di origine carsica tipiche di quei territori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la firma dell’Armistizio l’esercito era allo sbando. Anche se i tedeschi avevano occupato parte della Venezia Giulia, l’altra andò sotto il controllo delle truppe partigiane che il 29 settembre 1943  istituirono il Comitato di liberazione dell’Istria. Nacquero tribunali che rispondevano a partigiani e furono emesse centinaia di condanne. Uomini e donne furo infoibati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Ambulante sventa un furto e l'azienda lo assume. Iboyi tra i dipendenti di Obi

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento