Come e perché è stato istituito il Giorno del Ricordo

Tra il settembre del 1943 e il febbraio 1947, furono annegate, fucilate, massacrate persone, 3mila erano italiane

Con la legge n. 92 del 30 marzo 2004, si celebra il Giorno del Ricordo. Nel secondo dopoguerra, tra il settembre del 1943 e il febbraio 1947, furono annegate, fucilate, massacrate persone, 3.000 erano italiane. Si ricorda anche l'esodo degli istriani, dei dalmati e dei fiumani dalle loro terre. A compiere i massacri furono i partigiani di Tito. I corpi furono gettati nelle grotte di origine carsica tipiche di quei territori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la firma dell’Armistizio l’esercito era allo sbando. Anche se i tedeschi avevano occupato parte della Venezia Giulia, l’altra andò sotto il controllo delle truppe partigiane che il 29 settembre 1943  istituirono il Comitato di liberazione dell’Istria. Nacquero tribunali che rispondevano a partigiani e furono emesse centinaia di condanne. Uomini e donne furo infoibati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Animali 3D in casa grazie a Google. Come fare e l'elenco completo

  • Scanzi supera il milione di fan. Più 250mila in 7 giorni, nessuno come lui in Italia

  • "In trincea contro il Covid-19: colpisce e uccide lasciando soli i pazienti". La storia di Sara, infermiera aretina a Bologna

  • Mascherine obbligatorie fuori dall'abitazione. L'annuncio di Rossi: "Ne distribuiremo subito 10 milioni"

  • Un 22enne stampa in 3D le valvole per le maschere Decathlon. E le dona agli ospedali

  • Emergenza Covid-19: un valido aiuto viene dai Commercialisti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento