Nidi e scuole materne: la giunta delibera l'allungamento dell'orario. Orciolaia fino alle 19:00

Tra le misure previste anche l'abbattimento delle rette con un contributo che arriva dallo Stato

Abbattimento delle rette scolastiche e modifica degli orari di chiusura di alcuni nidi e di materne. Queste le novità che stanno per arrivare nei servizi all'infanzia del Comune di Arezzo. Sono state deliberate in un unico atto in una delle ultime sedute della giunta, esattamente il 28 gennaio scorso. 

Il contributo per le rette

Con una erogazione finale unica annuale, sarà erogato un contributo in favore delle famiglie i cui figli siano iscritti e frequentanti i nidi e le scuole dell'infanzia  paritarie comunali e anche private per l'anno scolastico 2018/2019, che non siano già esenti per reddito, e che siano in regola con i pagamenti delle rette per l'anno in corso. 

L'ampliamento dell'orario

La novità più importante riguarda il fatto che l'amministrazione intende sostenere l'offerta formativa dei servizi all'infanzia nella fascia 0-3 e 3-6 con l'allungamento dell'orario di apertura giornaliero e nello specifico: 

Asili nido comunali Cesti e Peter Pan passeranno dalla chiusura delle 16 alle 17:30. 

Scuole materne Don Milani e Sitorni invece che chiudere alle 16:00, chiuderanno alle 17:30.

In via sperimentale previsto anche l'ampliamento dell'orario giornaliero di tutto il complesso dell'Orciolaia, sia nido che materna che attualmente chiude e alle 16, ma che poi resterà aperto fino alle 19:00.

Per l'attuazione di questi nuovi orari ci sono però delle condizioni: il tempo prolungato nei servizi all'infanzia sarà attivato con un minimo di richieste da parte delle famiglie interessate: Almeno 10 bambini per la scuola dell'infanzia, 6 per gli asili nido nella fascia d'età tra gli 0 e i 12 mesi, almeno 7 per i nidi nell'età tra i 12 e i 24 mesi, almeno 10 per i nidi tra i 24 e i 36 mesi di età.

Le risorse

Lo Stato, con il piano di azione nazionale pluriennale ha stanziato per il Comune di Arezzo 375.486,83 euro finalizzate a favorire la conciliazione tra i tempi e le tipologie di lavoro dei genitori e la cura di bambine e bambini, con particolare attenzione alle famiglie monoparentali, ma anche l'inclusione di tutti i bambini e le bambine, oltre che favorire l'introduzione di condizioni che agevolino la frequenta dei servizi educativi per l'infanzia.

Il Comune ha poi deciso di suddividerle così: 200mila euro a sostegno della domanda per i nidi, 159mila euro per la scuola dell'infanzia e 16.486,83 per l'ampliamento dell'orario giornaliero dei servizi all'infanzia.

La fotografia

Ad Arezzo i servizi all'infanzia sono organizzati in un sistema integrato di cui fanno parte 11 asili nido comunali, 7 nidi privati accreditati, 5 scuole dell'infanzia comunali e 11 scuole dell'infanzia privati accreditati per un'utenza potenziale pari a 1459 bambini (il conteggio non tiene conto dei sogetti esonerati dal pagamento delle rette per motivi di reddito.

Prossimi passi

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la messa in pratica di queste misure, l'amministrazione dovrà provvedere a  nuovi atti specifici, sia per le modalità di erogazione del contributo per l'abbattimento delle rette, sia per ricevere le domande per le fasce orarie prolungate agli asili, un passaggio che comporterà, ma non si sa come, modifiche agli orari degli educatori e/o nuove assunzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus in due famiglie dell'Aretino, ordinanza di Rossi: "Trasferimenti negli alberghi sanitari o multe"

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento