Renzi, contestato e applaudito, è tornato ad Arezzo per giocarsi proprio qui la candidatura al Senato

Mentre fuori dalla Casa delle Energie un gruppo di aretini e non strombazzava protestando per la vicenda Banca Etruria e per la sua “sfacciata presenza” in città, Matteo Renzi annunciava la propria candidatura al Senato proprio ad Arezzo, “perché gli aretini sanno come sono andate le cose in Banca Etruria negli ultimi vent’anni e non […]

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
Invia per email  |  Stampa  |   11 settembre 2017 3:03  |  Pubblicato in Rubriche, Interventi d'autore, Punto G.




Mentre fuori dalla Casa delle Energie un gruppo di aretini e non strombazzava protestando per la vicenda Banca Etruria e per la sua “sfacciata presenza” in città, Matteo Renzi annunciava la propria candidatura al Senato proprio ad Arezzo, “perché gli aretini sanno come sono andate le cose in Banca Etruria negli ultimi vent’anni e non si faranno influenzare dalle campagne di stampa piene di falsità scritte solo per scopi politici.”

La manifestazione di protesta e le parole di Renzi paiono gravemente collidere, ma di fatto il leader del PD sa che Arezzo è una piazza importante per lui e per la sua immagine (una sua affermazione da queste parti chiuderebbe molte bocche apertesi dopo l’affaire Banca Etruria) e allora si gioca qui le sue carte.

L’aria che tira oggi ad Arezzo non gli è certo favorevole, ma chissà che una campagna elettorale giocata d’attacco non gli restituisca i successi locali di qualche anno fa.

A proposito della vicenda Banca Etruria, il segretario del PD ha speso poche parole ribadendo un concetto più e più volte espresso: “Si è intervenuti per salvare i dipendenti e i correntisti, e anche per far recuperare il più possibile agli investitori; e se non lo avessimo fatto la Banca sarebbe andata a rotoli con tutte le conseguenze del caso…” e ammettendo di avere sbagliato nel lasciar troppo spazio alla Banca d’Italia nel periodo precedente l’intervento del suo governo.

Sarà interessante vedere quanti aretini voteranno per Renzi al Senato…

NB: per chi volesse vedere la registrazione dell’intero intervento di Renzi alla Festa dell’Unità di Arezzo, il link è questo.

 Gianni Brunacci 
Gianni Brunaccinato nel 1959 ad Arezzo, è scrittore, giornalista e fotografo. Dal 2006 collabora con varie testate televisive e giornalistiche, sia cartacee che online. Attualmente scrive e fotografa per Arezzo Notizie, l'Altrapagina e Top Life Magazine.
Altre dall'autore »