l’incidente in via Romana e le cinture di sicurezza

Come un allarme che suona e dà fastidio, L’incidente di via Romana  nel quale due bambini sono rimasti feriti, ci segnala ancora una volta (come se ce ne fosse bisogno) la necessità di abituare i bambini (e di conseguenza anche gli adulti) a indossare le cinture di sicurezza. Lo so, si tratta di un compito a […]

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
Invia per email  |  Stampa  |   4 luglio 2018 16:32  |  Pubblicato in Rubriche, Spigolando, Accade oggi




Come un allarme che suona e dà fastidio, L’incidente di via Romana  nel quale due bambini sono rimasti feriti, ci segnala ancora una volta (come se ce ne fosse bisogno) la necessità di abituare i bambini (e di conseguenza anche gli adulti) a indossare le cinture di sicurezza.

Lo so, si tratta di un compito a volte difficile e che comporta pazienza e fermezza, ma dei genitori che vogliano definirsi previdenti devono farlo.

Fin da quando lasciano il seggiolino per i più piccoli i baby vanno abituati alla cintura di sicurezza. Per un po’ sarà difficile e magari potranno essere recalcitranti, ma poi i bambini si abitueranno e ogni volta che saliranno in auto mettersi la cintura sarà la prima cosa che faranno. Anzi, se saranno gli adulti a non metterla li redarguiranno.

Non si tratta di una di quelle cose barattabili, quelle che un genitore può permettersi di non fare per poter vivere in pace; va fatto e basta.

Vi immaginate la vita pacifica di quelli che hanno lasciato liberi i propri figli in auto e li hanno ritrovati spiaccicati sul parabrezza? Davvero non si può non fare, senza se e senza ma.

 Gianni Brunacci 
Gianni Brunaccinato nel 1959 ad Arezzo, è scrittore, giornalista e fotografo. Dal 2006 collabora con varie testate televisive e giornalistiche, sia cartacee che online. Attualmente scrive e fotografa per Arezzo Notizie, l'Altrapagina e Top Life Magazine.
Altre dall'autore »