L’Arezzo verso la Lucchese con il nuovo Mister

Pavanel, nuovo Mister dell’Arezzo, ha avuto una settimana piena per preparare la partita casalinga contro la Lucchese. In questa settimana (una decina di allenamenti) ha potuto testare le condizioni fisiche dei suoi calciatori (che non sono ottimali, ma lo potranno diventare a breve) e proporre loro soluzioni tattiche che non stravolgano niente, ma possano rendere […]

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
Invia per email  |  Stampa  |   24 settembre 2017 10:29  |  Pubblicato in Rubriche, Spigolando, Accade oggi




Pavanel, nuovo Mister dell’Arezzo, ha avuto una settimana piena per preparare la partita casalinga contro la Lucchese. In questa settimana (una decina di allenamenti) ha potuto testare le condizioni fisiche dei suoi calciatori (che non sono ottimali, ma lo potranno diventare a breve) e proporre loro soluzioni tattiche che non stravolgano niente, ma possano rendere l’Arezzo più pericoloso in avanti e più protetto dietro.

La tentazione (e forse di più) di Pavanel è quella di far giocare la formazione con un nuovo modulo, il 4-4-2; qualcosa che protegga di più una difesa balbettante quando viene infilata in velocità.

L’obiettivo finale potrebbe addirittura essere il 3-5-2, ma ancora è presto per parlarne.

In questa fase il mister vorrebbe tenere la difesa con la composizione ormai consolidata, impostando un centrocampo più protettivo con Disanto a destra e Corradi a sinistra, Cenetti (o Foglia) e De Feudis in mezzo.

Ma Disanto purtroppo non è ancora disponibile per via di un infortunio, quindi si pone il problema se varare comunque il centrocampo a 4, ma eventualmente con D’Ursi a sinistra e Corradi a destra, oppure mantenere quello a tre di bellucciana memoria.

Staremo a vedere, ma l’impressione è che quel che conta di più non sia tanto il modulo tattico, quanto la testa di chi scenderà in campo.

Come ha scritto lo stesso Bellucci salutando la città, occorre crederci di più…

Appuntamento allo stadio di Arezzo o su RAI Sport (canale 57) alle 20,45 del lunedì (ma sarebbe di gran lunga preferibile andare allo stadio, perché gli amaranto hanno bisogno del loro pubblico…)

Forza Arezzo!

 Gianni Brunacci 
Gianni Brunaccinato nel 1959 ad Arezzo, è scrittore, giornalista e fotografo. Dal 2006 collabora con varie testate televisive e giornalistiche, sia cartacee che online. Attualmente scrive e fotografa per Arezzo Notizie, l'Altrapagina e Top Life Magazine.
Altre dall'autore »