L’Arezzo che affronterà il Prato

Di sabato, alle 20,30, l’Arezzo si giocherà il terzo prezioso posto in classifica contro il Prato che è due punti in ritardo sulla salvezza diretta. Se il campionato si fermasse oggi i lanieri dovrebbero disputare gli spareggi (Play Out). Queste semplici motivazioni fanno dell’incontro una partita niente affatto banale e nella quale ci sarà da […]

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
Invia per email  |  Stampa  |   21 aprile 2017 19:10  |  Pubblicato in Rubriche, Interventi d'autore, Punto G.




Di sabato, alle 20,30, l’Arezzo si giocherà il terzo prezioso posto in classifica contro il Prato che è due punti in ritardo sulla salvezza diretta. Se il campionato si fermasse oggi i lanieri dovrebbero disputare gli spareggi (Play Out).

Queste semplici motivazioni fanno dell’incontro una partita niente affatto banale e nella quale ci sarà da combattere.

Per i colori amaranto il terzo posto significherebbe giocare i primi due turni dei Ply Off con il vantaggio di poter pareggiare in casa (nel primo con partita secca)  e di avere il ritorno al città di Arezzo e il passaggio del turno in caso di parità di risultati (nel secondo con andata e ritorno).

Intanto Mister Sottili ha di nuovo quasi tutta la rosa a disposizione (a parte Ferrario, che tornerà in gruppo la prossima settimana), ma dovrà tener conto dei giocatori in diffida, delle condizioni di chi ha giocato di più, di chi ha qualche fastidio che è meglio non sottovalutare in proiezione Play Off e della prossima trasferta di Viterbo.

Così, fatti tutti i conti e le previsioni del caso, è probabile che la squadra amaranto che scenderà in campo contro il Prato sia la seguente:

Borra in porta; Luciani, Barison (Muscat), Solini e Masciangelo in difesa; De Feudis e Foglia in mezzo al campo; Bearzotti, Corradi e Arcidiacono dietro l’unica punta Moscardelli.

Un 4-2-3-1 o 4-4-1-1 che dir si voglia, dove l’unica cosa incomprensibile è perché si insista nel mandare in campo un Arcidiacono finora quasi sempre (con solo due eccezioni) insufficiente; ma il Mister sembra contare sul suo recupero nonostante le ripetute prove negative. Speriamo che abbia ragione lui.

Forza Arezzo!

 

 Gianni Brunacci 
Gianni Brunaccinato nel 1959 ad Arezzo, è scrittore, giornalista e fotografo. Dal 2006 collabora con varie testate televisive e giornalistiche, sia cartacee che online. Attualmente scrive e fotografa per Arezzo Notizie, l'Altrapagina e Top Life Magazine.
Altre dall'autore »