Ciho la vosvaghen diversamente inquinante per via del motore truccato…

Via via che i telegiornali aggiungevon ‘na notizia a quel’antra nela storia delo scandelo Vosvaghen, me so’ reso conto che ciho ‘na machina de quele col motore turbodisel truccato. Alora me so’ chiesto che succederebbe si se facesse ‘na causa tutti ‘nsiemi, noi che s’ha le machine diversamente inquinanti. L’impressione è che queli dela Vosvaghen […]

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
Invia per email  |  Stampa  |   2 ottobre 2015 3:07  |  Pubblicato in Rubriche, Interventi d'autore, Aretinamente


volkswagen

Via via che i telegiornali aggiungevon ‘na notizia a quel’antra nela storia delo scandelo Vosvaghen, me so’ reso conto che ciho ‘na machina de quele col motore turbodisel truccato. Alora me so’ chiesto che succederebbe si se facesse ‘na causa tutti ‘nsiemi, noi che s’ha le machine diversamente inquinanti.

L’impressione è che queli dela Vosvaghen rischion grosso, ma grosso dimolto.

Quande ho compro la machina l’ho compra (a caro prezzo) perché sapevo ch’era del gruppo Vosvaghen, che era robusta e che aveva ‘n certo tipo de motore (Euro 5).

Oggi scopro che la mi’ machina inquina più del 50% de più de quel che doveva per legge; mica scherzi!

Sicché questo vol dire che la Vosvaghen ha preferito truccare i motori ‘nvece de spender’i soldi pere studiare e arivare a falli secondo la legge.

Insomma questi crucchi han rubbato a milioni e milioni de persone ‘n bona fede e se ne son fregati dela legge e del’inquinamento che provocaveno.

Ora s’è saputo che ce faran portare dal meccanico le machine truccate, ma ancora ‘n se sa bene a fa’ cche. Eh sì, perché che gni fai a un motore nato diversamente inquinante, lo cambi? Oppure lo modifichi? E come lo modifichi?

Qui ‘nnè che a cavare ‘l trucchetto elettronico se risolve ‘l problema, perché ‘l motore riman quello… Sicché io ho ‘nquinato com’un inceneritore guasto per divers’anni, ma ciho anche ‘na machina che val parecchio meno de quel che dovrebbe.

Quande decisi de compralla volson la bellezza de trentatremmila euro perché era del gruppo Vosvaghen, garanzia de qualità…

Ho l’impressione che tra l’inchieste penali (disastro ambientale) e civili dei tribunali de mezzo mondo, ma anche le cause miliardarie che farano i gruppi de clienti truffati, questi maestri del’industria rischion da salta’ ppelaria…

E’ come se ‘n produttore de pasta avesse adopro grano cancerogeno per divers’anni.

In questo caso ha ragione ‘l mi’ amico Santi Cherubini, che quand’è vinut’a galla lo scandelo ha scritto: “Precisino se cacò adosso…”

E credeteme, che quel’antri forse abbion fatto lo stesso conta poco, anche perché ce vol le prove; eppoi sarebbon tutti colpevoli, mica tutti ‘nnocenti…

 Gianni Brunacci 
Gianni Brunaccinato nel 1959 ad Arezzo, è scrittore, giornalista e fotografo. Dal 2006 collabora con varie testate televisive e giornalistiche, sia cartacee che online. Attualmente scrive e fotografa per Arezzo Notizie, l'Altrapagina e Top Life Magazine.
Altre dall'autore »