Apa, Scapecchi e le loro parole

Arezzo – “finalmente dal 30 giugno saremo fuori dal sistema di accoglienza dei migranti”, scrivono i due consiglieri comunali di Forza Italia Apa e Scapecchi. Si riferiscono alla rinuncia, da parte della Fraternita dei Laici, alla partecipazione al bando per l’accoglienza dei migranti destinati dallo Stato ad Arezzo. Non solo i due giovani politici paiono non aver […]

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
Invia per email  |  Stampa  |   13 aprile 2018 21:07  |  Pubblicato in Rubriche, Interventi d'autore, Punto G.




Arezzo – “finalmente dal 30 giugno saremo fuori dal sistema di accoglienza dei migranti”, scrivono i due consiglieri comunali di Forza Italia Apa e Scapecchi.

Si riferiscono alla rinuncia, da parte della Fraternita dei Laici, alla partecipazione al bando per l’accoglienza dei migranti destinati dallo Stato ad Arezzo.

Non solo i due giovani politici paiono non aver presente che lo Stato agisce per conto di tutti (compresi i loro avversari politici) e va rispettato, ma si mostrano orgogliosi per la decisione assunta da parte del Comune (decisione che la Fraternita, quella sì di tutti gli aretini e non di chi passa per qualche anno da palazzo Cavallo, non avrebbe mai preso in proprio).

Chissà, magari se glielo chiedi ti rispondono anche che sono cattolici, come Lucia Tanti.

 

 Gianni Brunacci 
Gianni Brunaccinato nel 1959 ad Arezzo, è scrittore, giornalista e fotografo. Dal 2006 collabora con varie testate televisive e giornalistiche, sia cartacee che online. Attualmente scrive e fotografa per Arezzo Notizie, l'Altrapagina e Top Life Magazine.
Altre dall'autore »