Zone distretto. Lettig: “L’incomprensibile difesa della sanità in Casentino da parte dei suoi amministratori sfiora l’inverosimile”

.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   6 dicembre 2017 19:03  |  Pubblicato in Politica, Casentino


Enrico Lettig capogruppo della Lista Civica Poppi Libera interviene sulla questione delle zone distretto in provincia di Arezzo.

“L’incomprensibile difesa della Sanità in Casentino da parte dei suoi amministratori, sfiora in questi giorni l’inverosimile.

È di oggi la notizia che Arezzo correrà da solo la partita per il distretto. Ad un Casentino senza più un punto nascita, con un ospedale uscito malconcio rispetto ai buoni propositi dei patti territoriali del disonore, resta un pugno di mosche e tanta determinazione da parte dei sindaci di non cedere al distretto unico ma costretti ad accettarlo per poi ritrovarsi soli con la lontana Valtiberina, senza Arezzo, ma palesemente ridimensionati. È chiaro che così stando le cose chi comanderà e terrà il bastone sarà la più “grande” Sansepolcro.

Anche questo è l’effetto di non avere una visione strategica di vallata. Per qualcuno il Casentino non è strategico. Ed a vedere di certi risultati politici verrebbe quasi da dargli ragione!

P.S. Sindaco Eleonora Ducci, la sua difesa dei sindaci (a lei amici) è encomiabile, ma dopo aver perso anche Arezzo quale sarà la prossima mossa, allearsi col Valdarno?”

blog comments powered by Disqus