Al via la verifica di maggioranza alla vigilia del consiglio: non c'era il sindaco. Così verso le amministrative

I punti della verifica di maggioranza in sostanza sono ancora tutti da trattare, così come quelli da portare come contributo di coalizione alle prossime amministrative

Il coordinatore di Forza Italia Mennini con il sindaco Ghinelli che sarà presente alla prossima riunione di maggioranza

Consiglieri tutti presenti questa mattina per i lavori del parlamentino aretino. Alcuni di loro, i capogruppo, c'erano anche alla riunione di maggioranza che c'è stata ieri sera in una sede privata. Non proprio una preconsiliare, quanto l'avvio della verifica di maggioranza che si era resa necessaria dopo che la crisi tra la giunta Ghinelli e una parte dei consiglieri che lo sostengono si era consumata soprattutto pubblicamente, innescata dai banchi di Forza Italia.

Ieri sera si sono ritrovati i responsabili provinciali e comunali dei partiti, Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e della lista civica OraGhinelli, oltre ai rappresentanti dei rispettivi gruppi in consiglio comunale.

Così ha preso il via il percorso della verifica di maggioranza. Si tratterà, infatti, di una serie di incontri, anche con la partecipazione del sindaco, come in quello che si dovrebbe tenere la prossima settimana.  Mentre invece ieri sera Ghinelli non c'era. Grosse tensioni non si sono registrate. E' stato ribadito e rinsaldato un metodo di lavoro comune per il confronto interno, insomma come lavare i panni sporchi in casa evitando polveroni politici come è accaduto nell'ultimo periodo. 

I punti della verifica di maggioranza in sostanza sono ancora tutti da trattare: leggasi inchiesta Coingas, anche se dopo il segnale di discontinuità evidentemente non è un argomento dirompente come prima, oppure la gestione della Fondazioni Guido D'Arezzo, a partire dal Raro Festival e della rapprentatività di Forza Italia in giunta dopo che l'assessore Lucia Tanti ha lasciato gli azzurri per convogliare nella neonata formazione di Toti.

La crisi di maggioranza pare aver perso la sua carica esplosiva che si era innescata nei mesi scorsi, poco dopo l'arrivo di Angelo Rossi e di Mery Cornacchini in Forza Italia, ma anche con il contributo delle dichiarazioni al vetriolo di Stefano Mugnai nei confronti della Lega, della senatrice e assessore Tiziana Nisini.

Rapporti Lega e forza Italia, la bufera aretina di un anno fa

Il consigliere Rossi (FI) attacca Salvini sui social e la senatrice Nisini affonda: "Vada fuori dalla maggioranza"

Forse le vicende nazionali hanno dato il loro contributo, adesso i partiti di centro destra sono di nuovo tutti all'opposizione, anche se con Forza Italia più isolata rispetto ai sovranisti. A livello locale, forse Ghinelli ha le idee più chiare e una più sicura prospettiva di ricandidatura per il secondo mandato ad Arezzo e sta ricompattando la coalizione, forse c'è stata anche una riflessione sulla sovraesposizione di Rossi e Cornacchini che nel frattempo hanno varato il gruppo di Arezzo nel Cuore che sembra destinato ad una naturale evoluzione in una lista civica, anche se i diretti protagonisti smentiscono. Forza Italia invece pensa alle amministrative solamente con un centrodestra unito.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fiordaliso, lite con il capotreno nella tratta Arezzo-Roma: "Ho dovuto pagare il biglietto per due chihuahua"

  • Batterio killer New Delhi in Toscana: arrivano i test rapidi. E Mugnai scrive al ministro della Salute

  • "Siamo increduli e addolorati, Federico conosce solo il lavoro". Così gli amici di Ferrini, accusato di omicidio

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento