Trasporto pubblico toscano, Bardelli attacca: "Dilettantismo del Governatore Rossi"

Il consigliere comunale del gruppo misto commenta gli annunciati tagli agli stipendi degli autisti: "Svenduto il patrimonio della mobilità urbana, si passa sopra la pelle delle persone"

Dichiarazione del consigliere comunale di Arezzo Roberto Bardelli (gruppo misto).

“Nella disastrosa e surreale vicenda del trasporto pubblico toscano, ennesima dimostrazione del dilettantismo della giunta del Governatore Rossi, come al solito a rimetterci pesantemente saranno gli autisti. Il grido di allarme lanciato da questi ultimi è un appello a tutti gli organi istituzionali che deve essere ascoltato. Se ci fermiamo un attimo a riflettere, risulta evidente che nell’arco di pochi anni è stato svenduto il patrimonio della mobilità urbana pubblica per interessi politici. In una spirale sempre peggiorativa. E come beffa finale ci ritroviamo con un’azienda straniera che opera in regime di deroga, perché siamo in attesa della sentenza del Consiglio di Stato che ci sarà a ottobre. Come da copione comprovato negli ultimi anni, i nuovi momentanei gestori hanno subito deciso di tagliare i compensi di chi opera in strada. Mai nessuno che parli di tagli ai dirigenti o a prendere seriamente in considerazione un’eventuale lotta agli sprechi. In attesa di nuovi sviluppi, bisognerà tenere le orecchie aperte e gli occhi puntati sulla vicenda. Per evitare che si passi sopra la pelle delle persone”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

  • New Delhi, oltre 30 decessi sospetti in Toscana. L'infettivologo di Arezzo: "Vi spiego come si previene"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento