Tanti: "Più rotazione nei centri di accoglienza, ci sono troppi ospiti che sforano"

Intervento dell'assessore Lucia Tanti sui centri di accoglienza. “Le persone in difficoltà sono sempre di più, per questo è necessario garantire il rispetto delle regole nei centri di accoglienza, anche per quanto riguarda la durata del soggiorno...

lucia-tanti

Intervento dell'assessore Lucia Tanti sui centri di accoglienza. “Le persone in difficoltà sono sempre di più, per questo è necessario garantire il rispetto delle regole nei centri di accoglienza, anche per quanto riguarda la durata del soggiorno degli ospiti. Negli ultimi giorni ho iniziato un controllo e mi sono resa conto che ci sono permanenze che vanno ben oltre il regolamento impedendo ad altre persone, che si trovano a vivere le stesse difficoltà, di avere risposte adeguate.

Ho quindi provveduto, in accordo con i servizi sociali, a indicare tempi certi per poter valutare se l’iter di reinserimento è avvenuto e soprattutto per mettere a disposizione, anche di altri soggetti, le stesse opportunità di accoglienza. Le persone ospiti dei centri, quindi sostenute economicamente dal Comune, devono collaborare a un cammino d’integrazione vero che impone anche la volontà di cercare un’occupazione o comunque di mettersi a disposizione della comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arezzo è una città accogliente, ma deve esserlo per tutti, anche per i cosiddetti ‘nuovi’ indigenti, spesso sempre più aretini, che sono in cerca di un alloggio temporaneo. Per questo è mio dovere garantire percorsi di reinserimento, che mettano in luce sia l’impegno personale di chi è in stato di necessità, sia il rispetto dei tempi di permanenza. Situazioni che derogano di mesi e che a volte anche raddoppiano il periodo di presenza consentito dai regolamenti, vanno riviste. Ovviamente si deciderà caso per caso, con buon senso, ma deve rafforzarsi il concetto che gli alloggi di accoglienza devono essere il più possibile a rotazione per dare risposte maggiori. Più grande è il bisogno e più forte deve essere il senso di responsabilità di tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento