Registrazioni furtive, Tanti: "Al Pd chiedo se c'è sempre posto per Bonaccini in Emilia Romagna?"

L'assessore interviene sulla vicenda che ha colpito il governatore dell'Emilia Romagna, ricandidato per un secondo mandato da tutto il centro sinistra

L'assessore Lucia Tanti interviene sulla vicenda che ha colpito il presidente Pd dell'Emilia Romagna, registrato furtivamente mentre è al telefono con il sindaco di Jolanda.

"Stefano Bonaccini, presidente Pd della Regione Emilia Romagna e ricandidato per un secondo mandato da tutto il centrosinistra, è stato pure lui registrato in maniera furtiva. Nel suo caso, però, la registrazione telefonica non è un commento del 2016 come quello "rubato" al sindaco Ghinelli, tra il sorpreso e lo stupito mentre ascolta un racconto, generico e caotico, riferito ad un ipotetico patto privato che nemmeno si sa se esista e che, anche qualora esistesse, lo vede estraneo.
No, nel caso di Bonaccini si tratta di una "minaccia politica" che proprio lui in prima persona rivolge al sindaco di Jolanda, la cui vice ha scelto di sostenere Lucia Borgonzoni: “se vinco io non mi cercate più”, “è chiaro che poi succede qualcosa nei rapporti con voi” e via di seguito con un corredo di chiari "avvertimenti politici" e probabili ritorsioni ai danni di chi sta nel centrodestra, che non sembrano di alta statura istituzionale.

Anzi, sono toni che dimostrano una idea "padronale" della politica, forse frutto della paura che a Bonaccini "fa novanta", e che vanno pure contestualizzati perché qui, a forza di fare la caccia alle streghe, si crea un sistema politico barbaro degno solo della schiera dei "registratori seriali". Però toni gravi, indubbiamente e che certo vanno meglio indagati. Lo farà chi deve farlo.

Ora mi domando: ma per il capogruppo del Pd aretino c'è ancora posto per Bonaccini in Emilia Romagna? E la sinistra, maestra di morale, che ha parlato con veemenza in Consiglio Comunale chiedendo le dimissioni di tutti, a casaccio e indipendentemente dalle evidenti responsabilità, ora che il suo presidente-ricandidato fa telefonate del genere, non prepara atti robusti per salvaguardare il valore della legalità e il decoro della bella politica? Oppure esiste una morale politica di natura geografica? Ad Arezzo ti devi dimettere solo se prendi atto di una cosa che non hai fatto e che non si sa neanche cosa sia, però a Bologna, se invece una cosa la fai, cioè "minacci politicamente" un sindaco vicino al centrodestra, e lo fai da Presidente di Regione e candidato per un secondo mandato, stai al tuo posto?

C'è da aspettarsi entro stasera un bel comunicato del centrosinistra aretino per chiedere il ritiro di Bonaccini, così capiremo se quando lorsignori vestono i panni dei giacobini sono da prendere sul serio oppure se qui, più semplicemente, c'è solo il bisogno di "togliere di mezzo", e per via impropria, l'avversario politico forte, che evidentemente fa tanta paura”.​

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma sulle piste da sci. Imprenditore aretino perde la vita

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Trasporto eccezionale perde lastre di cemento in curva. Chiuso lo svincolo al ponte dell'ex Lebole

  • Aereo dirottato. Pupo bloccato a New York: "Spero di arrivare in tempo per il GfVip"

  • Sfida "spaccatesta": genitori in allarme. Il violento gioco di moda sui social

  • Schianto auto moto, due 19enni feriti: uno soccorso con Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento