Tagli alla sanità, l'allarme di Mugnai che interroga la Regione e chiede conto di organici e pensionamenti

"Se 45 milioni di euro di tagli al personale sanitario vi sembran pochi… Ora mettetemi nero su bianco i perché e i per come siete giunti a una simile decisione, con tanto di specifiche su prossimi pensionamenti e piante organiche": è in buona...

stefano-mugnai

"Se 45 milioni di euro di tagli al personale sanitario vi sembran pochi… Ora mettetemi nero su bianco i perché e i per come siete giunti a una simile decisione, con tanto di specifiche su prossimi pensionamenti e piante organiche": è in buona sostanza ciò che il Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale Stefano Mugnai (capogruppo di Forza Italia) chiede in un’interrogazione a risposta scritta appena depositata e la cui iniziativa prende le mosse dall’annuncio del consistente taglio alle spese per il personale sanitario che però, cronache e segnalazioni degli operatori alla mano, è già ridotto al lumicino.

Perché dunque infierire, con i sindacati che paventano la chiusura dei reparti e l’implosione del servizio?

«Sembrerebbe imminente da parte della Regione – scrive Mugnai nel suo atto – una direttiva alle aziende sanitarie e ospedaliere che dovrebbe portare al taglio di circa 45 milioni di euro» per «la spesa per il personale, spesa che , secondo la legge sulla spending review del 2011, dovrebbe essere eguagliata alla quota del 2004 meno l’1,4%».

Non è il primo taglio subito dalla sanità toscana negli ultimi anni, ricorda Mugnai che mette in conto «i costi degli aumenti contrattuali» e richiama «i già carenti numeri del personale medico ed infermieristico presenti in tutti gli ospedali toscani».

Donde i quesiti, un ventaglio articolato entro il quale Mugnai domanda «se la Regione abbia aperto un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali per condividere le priorità di una riorganizzazione che si auspica preliminare e condivisa», «le motivazioni per le quali sarebbero necessari tagli per circa 45 milioni di euro al personale sanitario toscano», «se, nella formulazione dei tagli per azienda, sia stato tenuto di conto del ripristino degli obblighi sulla normativa relativa all'orario di lavoro (d.lgs 66/03 e legge 161/2014) e del relativo previsto necessario incremento di risorse umane nel settore del lavoro a turnazione», «a quanto ammonti la spesa del personale sanitario (ed amministrativo impiegato nel Sistema Sanitario Regionale) dal 2010 all’ultimo anno disponibile (2017) suddiviso per Asl e per categoria di inquadramento», «se corrisponda al vero che in molte realtà di fatto sia già stato applicato un blocco del turn over», «se siano previsti pensionamenti nel 2018 e di quante unità di personale si parla», oltre a «un aggiornamento dello stato di salute dei conti della sanità (bilanci sanitari delle aziende al 2017), con specifico riferimento alla spesa farmaceutica ospedaliera e al Payback».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Caso Martina Rossi, Fanfani: "La Spagna chieda scusa ai genitori". La difesa: "Pronti a impugnare la sentenza"

  • Video

    Dal Trentino ad Arezzo per il mercatino tirolese: operatori soddisfatti, già partita la promozione

  • Eventi

    Dal 2019 il presepe vivente delle Ville di Monterchi ad Arezzo. Trattativa-lampo per un altro allestimento da subito

  • Attualità

    Ponte Buriano, riapertura in anticipo. Chiassai: "Ma resta vietato ai mezzi pesanti. Ora un ponte alternativo"

I più letti della settimana

  • Taglio del nastro ad Arezzo per il negozio di Alessandro Del Piero

  • Schianto sulla regionale 69 vicino Indicatore: grave un 33enne ferito al volto

  • "Così i soldi sporchi diventavano oro", quattro aretini arrestati per riciclaggio. Blitz a Castiglion Fibocchi

  • Trattamento laser mininvasivo. Il neurochirurgo aretino DiMeco e una nuova terapia contro il tumore

  • Ambulanza trasporta intossicata e fa un incidente. Finiscono all'ospedale in 4, compresi i soccorritori

  • "Ho investito 15mila euro in un allevamento di Arezzo, poi il nulla". Il racconto a Striscia la Notizia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento