Province, Dindalini: "La Delrio superata, alle province le risorse per i servizi"

Un messaggio chiaro quello di Massimiliano Dindalini che invita il governo, la regione e gli altri attori istituzionali a riflettere sul ruolo delle province, soprattutto dopo il voto espresso dagli italiani al referendum costituzionale. Dindalini...

dindalini_massimiliano

Un messaggio chiaro quello di Massimiliano Dindalini che invita il governo, la regione e gli altri attori istituzionali a riflettere sul ruolo delle province, soprattutto dopo il voto espresso dagli italiani al referendum costituzionale. Dindalini si sofferma anche sulle dichiarazioni rese qualche giorno fa dal sindaco di Capolona e dal presidente del consiglio regionale, affermazioni sulla "non esistenza delle province" che avevano già provocato la reazione dei rappresentanti sindacali dei lavoratori.

Dichiarazione del segretario provinciale del Partito Democratico di Arezzo, Massimiliano Dindalini

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“La riforma Delrio è rimasta incompiuta, il voto espresso dagli italiani al referendum costituzionale ha di fatto salvato questo ente intermedio, che mantiene l’amministrazione di servizi importanti per i cittadini e per la tenuta della comunità. Si va dalla viabilità, alla protezione civile, dalle scuole alle pari opportunità.

I contenuti ci sono tutti, mancano però le risorse per portarle avanti. Il governo dovrà intervenire in fretta per distribuire le risorse per gli enti locali perché si avvicina la scadenza del 28 febbraio per la presentazione del bilancio dell’amministrazione provinciale.

Le province esistono, ad Arezzo il consiglio si è costituito nuovamente qualche giorno fa. A questo punto, a differenza di come la può pensare la presidenza del Consiglio della Regione Toscana o il sindaco del comune di Capolona, dovrà essere restituita loro dignità economica e dignità istituzionale con il ritorno anche all’elezione diretta degli amministratori.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Esami di guida, ipotesi rivoluzione: candidato solo in auto senza esaminatore né istruttore. Protestano le autoscuole

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento