Mezzi pesanti sulla E45, Morrone " Ho parlato con il procuratore Rossi, servono tempi brevi per perizia e riapertura"

Il parlamentare della Lega della Romagna è venuto a parlato con il procuratore di Arezzo Roberto Rossi

Il procuratore capo Roberto Rossi

“Ho parlato con il procuratore di Arezzo Roberto Rossi e ho sollecitato i vertici Anas che hanno in mano il pallino della transitabilità dei mezzi pesanti sull’E45. Di più non si può fare. Non è certo responsabilità del Governo, come emerge anche dalla Procura aretina, se è stata richiesta una perizia che ha determinato il blocco delle attività e che sarà effettuata il 4 aprile. L’auspicio che ho rappresentato in Procura è che la verifica sul campo sia il più veloce possibile e che Anas possa ultimare i lavori al più presto. Per quanto riguarda le risorse messe a disposizione dal ministero per l’attivazione degli ammortizzatori sociali per i lavoratori delle aziende danneggiate, il Governo stanzierà 10 milioni nel prossimo decreto ‘Crescita’. Me ne sono accertato personalmente attivandomi con il ministero del Lavoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo afferma l’on. Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, mettendo in rilievo che “le risorse saranno destinate al sostegno al reddito, pari al valore massimo del trattamento CIGS, di quei lavoratori, anche del settore agricolo, che sono stati sospesi dalle imprese che hanno subito una flessione produttiva a seguito della chiusura dell’arteria per un periodo massimo di sei mesi a partire dal 16 gennaio di quest’anno. Si prevede anche un’indennità una tantum, pari a 15.000 euro a soggetto, per i titolari di collaborazione coordinata e continuativa di agenzie e di rappresentanza commerciale, dei lavoratori autonomi, compresi i titolari di attività d’impresa e professionali che abbiano dovuto sospendere l’attività. Queste indennità saranno concesse con decreto delle Regioni Emilia Romagna, Toscana e Umbria, che, insieme al decreto, invieranno la lista dei beneficiario all’Inps che provvederà all’erogazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento