Più pedali e più guadagni: il progetto dei Popolari per Arezzo

Incentivare l'utilizzo della bicicletta per una mobilità sostenibile e a basso impatto ambientale. I Popolari per Arezzo propongono di sviluppare gli spostamenti sulle due ruote partendo dai lavoratori del centro storico cittadino, chiedendo...

biciclette3

Incentivare l'utilizzo della bicicletta per una mobilità sostenibile e a basso impatto ambientale. I Popolari per Arezzo propongono di sviluppare gli spostamenti sulle due ruote partendo dai lavoratori del centro storico cittadino, chiedendo all'amministrazione comunale di esportare un modello già attuato con successo in numerosi Paesi del nord-Europa e in altre località italiane. L'obiettivo del progetto è di premiare i pedalatori più virtuosi che, recandosi al lavoro in bicicletta, otterranno un credito chilometrico che si tramuterà in una riduzione delle tasse comunali e in altre forme di agevolazione fiscale. Al Comune di Arezzo sarebbe dunque richiesto un piccolo sacrificio in termini economici ma, se la proposta dovesse funzionare, la città ne beneficerebbe con una riduzione del traffico e, soprattutto, con la diffusione di buone pratiche per la salute e per l'ambiente. «Trattandosi di politiche della mobilità - spiega Giovanni Grasso, vicepresidente dei Popolari per Arezzo, - il budget necessario potrebbe essere garantito dalle multe della polizia municipale. La promozione dell'utilizzo della bicicletta migliora la qualità della vita dei cittadini e contribuisce alla riduzione dell'inquinamento, dunque si tratta di un'operazione che coniuga poca spesa e massima resa». La città di Arezzo, tra l'altro, è già predisposta all'attuazione di questo progetto in virtù di ArBike, il servizio di noleggio di biciclette pubbliche. Il bike sharing è dislocato in otto postazioni adiacenti alla stazione, a luoghi nevralgici della vita cittadina (tribunale e ospedale) e ai principali parcheggi fuori dalle mura (Baldaccio e Mecenate), dunque esiste la possibilità di non entrare nel centro storico con le automobili ma di pedalare fino alla destinazione lavorativa. Il tutto sarebbe gestito tramite le nuove tecnologie, con gli interessati che si registrano al servizio e che poi vedono quotidianamente aggiornarsi su una piattaforma digitale i chilometri percorsi con la bicicletta. Con uno stimolo in più: più si pedala e più si guadagna credito.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Immagini filonaziste e antisemite nelle chat di 12enni aretini, il provveditore: "I genitori si preoccupino dei loro figli"

  • Video

    La quiete dopo il blitz. "Al Pionta non servono eventi spot", il sindaco: "Adesso lotta al degrado sociale"

  • Calcio

    Viterbese-Arezzo, le probabili formazioni. In mille al seguito del Cavallino

  • Video

    Sei milioni per la caserma dei vigili in via Filzi: chiesto il parere alle Corte dei Conti

I più letti della settimana

  • Fuori strada dopo le nozze, coppia di sposi al pronto soccorso

  • L'Arezzo va avanti: pari con il Novara (2-2). Il sogno continua

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Gli preleva 8 euro al giorno di nascosto per mesi e gli prosciuga la carta. Aretino truffato

  • Croce in spalla macina chilometri: l'ex carcerato che salva i giovani di strada

  • Auto fuori strada, 21enne in codice rosso a Careggi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento