Il Pd: "Arezzo Casa è di tutti i cittadini, non solo della destra. Nostri sindaci all'oscuro sul direttore"

L'affondo dei primi cittadini e del coordinamento provinciale del Partito democratico: "IL presidente Roggi dice che sulla scelta hanno pesato le pressioni dei sindaci. Ma quali sindaci? Certamente non quelli di centrosinistra"

Il Partito Democratico di Arezzo interviene sul bando per individuare un nuovo direttore generale deciso dal cda di Arezzo Casa, esprimendo forte contrarietà perché non sono stati informati i sindaci del centrosinistra che di Arezzo Casa fanno parte. La società "è la casa di tutti i cittadini e non della destra", attaccano dal coordinamento Pd provinciale e i sindaci Pd della provincia in una nota.

Un direttore generale per Arezzo Casa: percepirà 66mila euro

Forse andrà peggio di quanto avevamo previsto - attaccano dal Pd -, il primo atto del nuovo presidente di Arezzo Casa (Lorenzo Roggi, nda) è un bando per la creazione di un dirigente. Il secondo atto è la dichiarazione che questo orientamento è stato assunto "in seguito a delle pressioni che abbiamo ricevuto dai sindaci". Prima domanda: quale dirigente? Seconda domanda: quali sindaci?

Il Pd: "Le minoranze non sono rappresentate dentro Arezzo Casa"

Tentiamo una risposta a quest'ultima: il presidente citi i sindaci che hanno fatto pressione. Quelli di centrosinistra che dovrebbero avere la stessa dignità degli altri, non solo non hanno fatto pressioni ma nemmeno hanno mai pensato ad un'ipotesi del genere fino ad oggi, in quanto non si è mai manifestata tale esigenza nelle passate gestioni. E, soprattutto, hanno letto del bando sui media on line: il presidente si è ben guardato da informarli preventivamente. Non male come atteggiamento nei confronti di quelli che lo stesso presidente chiama giustamente soci (e quindi non semplici spettatori).

Il Pd: perché un nuovo dirigente?

La nota conclude con alcune riflessioni circa la scelta di assumere un dirigente ad Arezzo Casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tentiamo una risposta alla prima domanda: perché un nuovo dirigente? La versione del presidente Roggi è che una "figura apicale" sta per andare in pensione. Allora perché non attendere e fare poi un normale concorso? La procedura scelta, e cioè quella di selezione, provoca dubbi. Invitiamo il presidente ed il suo CdA ad adottare una procedura più adeguata. Senza dubbio è invece il modello gestionale della destra alla quale ricordiamo che Arezzo Casa è la casa di tutti i cittadini e non della destra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Terribile schianto in A1: quattro vittime tra cui due bimbi

  • Boscaiolo 47enne muore schiacciato da un albero. E' un incidente sul lavoro

  • L'impatto contro un albero, poi l'intervento d'urgenza: muore giovane padre

  • Mascherine gratis nelle edicole. Ecco dove trovarle

  • Fa un apprezzamento a una ragazza, il compagno gli rompe una costola a calci: pestaggio in Guido Monaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento