Il Pd di Castiglion Fiorentino: "Non tutti i problemi possono risolversi a tarallucci e vino"

Intervento di Angela Lucini sulla questione dell'inquinamento sollevata nei giorni scorsi. Il sindaco Mario Agnelli aveva proposto un incontro con Aboca e Bonifiche Ferraresi"

"Il sindaco Agnelli interviene sul problema dell’inquinamento da pesticidi in Valdichiana e lo fa a modo suo, invitando a cena Valentino Mercati, patron di Aboca, che aveva sollevato l’argomento e Federico Vecchioni, amministratore delegato di Bonifiche Ferraresi". Attacca così una nota di Angela Lucini, del Pd di Castiglion Fiorentino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il sindaco castiglionese tutti i problemi finiscono sempre a “ tarallucci e vino”, davanti a un piatto di pasta e a una bistecca. Peccato che da quell’allegro convivio abbia escluso le Associazioni di categoria agricole, le piccole imprese e i coltivatori che vivono del proprio lavoro. Tra gli esclusi anche Pietro Rampi, impegnatissimo nell'Associazione dell'Aglione, Associazione di cui anche il comune castiglionese fa parte, il quale ha detto che “non c’è nessun tipo di problema d'inquinamento, nessuna zona supera la soglia di legge, che è molto restrittiva rispetto ad altri paesi." Insomma Agnelli, come spesso accade, si è svegliato la mattina, ha letto l’argomento del giorno e si è fatto il suo bel titolone sui giornali. Peccato che nella sua vivacità polemica si sia dato la zappa sui piedi quando ha affermato che in cinque anni la Conferenza dei Sindaci della Valdichiana non ha fatto niente sul tema inquinamento. E lui in questi cinque anni dov’era? Merito di Valentino Mercati aver sollevato il tema altrimenti ancora Agnelli dormirebbe tra due guanciali. Gli argomenti seri non possono scadere in barzelletta, per altro mettendo insieme realtà imprenditoriali molto diverse tra loro, solo per il gusto di fare notizia. La politica delle cene, dei lustrini e degli annunci deve finire e lasciare il posto alla serietà. Forse sarebbe stato meglio per Agnelli convocare queste realtà imprenditoriali per capire quale destino dare all’area dello Zuccherificio, perché le centinaia di posti di lavoro promessi nell’agricoltura biologica ancora albergano nel mondo dei sogni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Ambulante sventa un furto e l'azienda lo assume. Iboyi tra i dipendenti di Obi

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento