Mugnai riaccende la polemica con la Lega: "Governa col M5S, anni luce lontano dal centrodestra"

L'affondo del deputato forzista che difende il centrodestra: "Dove siamo uniti, vinciamo"

"Il centrodestra esiste ed è vincente. Dove si è presentato unito ha vinto e governa importanti regioni. Vi è però una contraddizione non semplice e deriva da un Governo che vede una componente importante del centrodestra, la Lega, alleata ad una forza politica che è quanto di più distante da nostro portato valoriale, culturale, valoriale e programmatico. In questa contraddizione non c’è Forza Italia o Fratelli d’Italia, c‘è la Lega". Lo ha detto Stefano Mugnai, vice capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo a ‘Studio 24’, su Rainews24.

Mugnai è poi intervenuto sulla misura del reddito di cittadinanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I due vicepremier e anche il presidente del Consiglio Conte avevano avviato sulla manovra una prova muscolare nei confronti dell'Europa, ma oggi e' l'Europa che sta, di fatto, dettando la manovra, con arretramenti continui rispetto alle promesse fatte". Ha aggiunto Mugnai. "Il reddito di cittadinanza e' una cambiale politica, una enorme marchetta politica figlia del consenso che il M5s ha avuto in alcune aree geografiche del Paese. E' un errore da matita rossa: non si da' dignita' a milioni di cittadini con il reddito di cittadinanza, la dignita' la da' soltanto il lavoro", ha spiegato. "Si devono creare le condizioni perche' si possa investire e con gli investimenti costruire crescita e occupazione. La strada breve del reddito di cittadinanza non fara' uscire il Paese dalla crisi. Sono necessari gli investimenti, le opere pubbliche. Cio' che e' avvenuto a Torino e' importante perche' erano 12 le associazioni datoriali che, con una unica voce, hanno detto chiaro e forte che questo Paese avra' un futuro se si investe nello sviluppo. Non e' tanto sbagliato il fatto che si vada a fare una manovra in deficit il problema e' che la si e' fatta senza puntare su quegli investimenti che consentirebbero a milioni di italiani, anche a coloro che hanno votato il M5S, di recuperare una dignita'", ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento