Moro e Impastato, Donati in via Caetani: "Necessario trarre lezione da quegli eventi tragici"

Questa mattina Marco Donati, alla presenza del Presidente della Repubblica, ha partecipato alla commemorazione in ricordo del Presidente Moro in via Caetani a Roma e ha depositato una corona di fiori sotto la lapide dello statista in...

donati-aldomoro

Questa mattina Marco Donati, alla presenza del Presidente della Repubblica, ha partecipato alla commemorazione in ricordo del Presidente Moro in via Caetani a Roma e ha depositato una corona di fiori sotto la lapide dello statista in rappresentanza della Fondazione del Partito Democratico assieme al segretario Martina, al capogruppo alla Camera Del Rio e al capogruppo al Senato Marcucci.

«È sempre una grande emozione partecipare a questo momento – commenta Donati – a cui negli ultimi anni non sono mai voluto mancare. Quest’anno in particolar modo è ancora più importante visto che ricorre il quarantesimo anniversario dell’uccisione dell’Onorevole Moro e che questa data arriva in una fase delicata per la vita politica e istituzionale italiana. Oggi – prosegue Donati – ricorrono anche 40 anni dall’uccisione di Peppino Impastato, ma il nostro Paese ancora non è stato in grado di trarre una lezione vera da quegli eventi così significativi e così tragici. Il dialogo, il rispetto delle idee differenti, la lotta all'ingiustizia e alla povertà, la non violenza fisica e verbale, tutti quei valori che due uomini come Moro e Impastato ci hanno trasmesso a sacrificio della loro stessa vita oggi dovrebbero essere la base di una democrazia matura».

A seguire Donati ha partecipato alla Cerimonia del Giorno della Memoria dedicato alle vittime del terrorismo, che si è svolta al Quirinale con il Capo dello Stato Mattarella e con la presenza delle associazioni che rappresentano le famiglie, i familiari delle vittime e alcuni studenti vincitori del concorso nazionale “Tracce di Memoria”.

«Credo sia necessario per tutti – conclude Donati - rivolgere il pensiero a quei fatti che sconvolsero il nostro paese 40 anni fa e formulare una riflessione vera per non rischiare che gli egoismi personali possano sopraffare gli interessi collettivi».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento